Casa » Storia » In che modo Cristoforo Colombo ha spaventato gli indigeni della Giamaica?

In che modo Cristoforo Colombo ha spaventato gli indigeni della Giamaica?

Riconosciuto come un eroe o un cattivo, Cristoforo Colombo rimane uno degli esploratori più famosi fino ad oggi. Quando arrivò in Giamaica, Cristoforo Colombo si era ritrovato a usare la sua avanzata conoscenza dell'astronomia per ingannare gli indigeni locali. 

Quando Cristoforo Colombo ei suoi uomini rimasero bloccati in Giamaica, Colombo usò l'eclissi lunare in arrivo per spaventare i nativi e il loro capo e costringerli a fornire loro cibo. 

L'inizio delle imprese di Cristoforo Colombo

A lungo etichettato dai libri di scuola americani come un eroico e celebre esploratore, la menzione di Cristoforo Colombo innesca numerosi dibattiti sul suo ruolo nella storia. Riconosciuto falsamente come il primo scopritore del New World delle Americhe, Colombo fu significativo nell'aprire l'America all'Europa. 

Prima delle sue spedizioni, le isole asiatiche vicino alla Cina e all'India avevano già incuriosito Colombo. Poiché questi luoghi sconosciuti erano famosi per l'oro e le spezie, divennero una destinazione attraente per gli europei.

Durante quel periodo, i musulmani e il loro controllo delle rotte commerciali attraverso il Medio Oriente hanno reso difficile l'avventura. Colombo accettò la sfida e concepì un modo per navigare verso ovest attraverso l'Atlantico per raggiungere le ricche isole asiatiche. Pensava alla Terra come a una sfera e stimava che la distanza tra le Isole Canarie e il Giappone non fosse inferiore a 2,500 miglia, ma in realtà era di 12,200 miglia statutarie.


Molti esperti di nautica non erano d'accordo con Colombo sulla distanza, ma nonostante ciò, erano tutti d'accordo sul fatto che viaggiare verso ovest dall'Europa sarebbe stata una rotta d'acqua ininterrotta. Con ciò, Colombo fece pressioni sui monarchi europei per finanziare la sua costosa impresa per quasi dieci anni.

Dal 1492 al 1504 Colombo fece quattro viaggi nei Caraibi e nel Sud America. (Fonte: Biografia

Cristoforo Colombo e il suo Salvatore, l'eclissi lunare

Colombo trascorse la maggior parte del 1502 viaggiando lungo le coste di Honduras, Nicaragua, Costa Rica e Panama. E alla fine di giugno 1503 Colombo raggiunse infine la Giamaica. Columbus e il suo equipaggio rimasero bloccati in Giamaica per un anno poiché il governatore di Hispaniola non fece alcuno sforzo per salvarlo.

Gli indigeni erano molto ospitali, ma quando i marinai di Colombo iniziarono a rubarli e ad imbrogliarli, giustamente diventarono pazzi e ostacolarono l'approvvigionamento di cibo che stavano fornendo a Colombo e ai suoi uomini.

Colombo lesse l'almanacco di astronomia di Abraham Zacuto che aveva portato con sé e notò l'apparizione di un'eclissi lunare avvenuta il 29 febbraio 1504. Da lì, si avvicinò al capo tribù e lo avvertì che Dio era arrabbiato per il trattamento riservato dai popoli indigeni a Colombo . Colombo affermò che Dio avrebbe reso evidente la sua ira nel cielo facendo la luna piena infiammato dall'ira.

Il trucco subdolo di Cristoforo Colombo ha funzionato. Quando gli indigeni videro l'eclissi, fornirono immediatamente a Colombo nuove provviste, supplicandolo di pregare il suo Dio per la protezione. Colombo entrò nella cabina della sua nave per fingere di pregare. Quando la totalità si stava avvicinando alla fine, Colombo affermò quindi che il suo Dio li aveva perdonati e presto la luna iniziò a riapparire.

Gli indigeni si presero cura di Colombo e del suo equipaggio per molti mesi fino al loro salvataggio. (Fonte: Journey Homeschool Academy

Lascia un tuo commento