Casa » Hobby e tempo libero » Perché gli Aztechi allevarono i chihuahua?
Chihuahua

Perché gli Aztechi allevarono i chihuahua?

Il Chihuahua è oggi una delle razze di cani più piccole al mondo. Prendono il nome dallo stato messicano di Chihuahua. Ma sapevi che nei primi anni in Messico i Chihuahua avevano uno scopo diverso per gli Aztechi?

Gli aztechi nel XVI secolo si prendevano cura di questo cagnolino come cibo. Tuttavia, c'era una varietà di cani di piccola taglia che potrebbero essere esistiti nell'area insieme al Chihuahua durante quel periodo.

La cultura azteca e le sue origini

Gli Aztechi erano una cultura mesoamericana che fiorì nel Messico centrale dal 1300 al 1521 durante il periodo post-classico. Gli aztechi erano vari gruppi etnici del Messico centrale, in particolare quelli che parlavano la lingua nahuatl e governavano gran parte della Mesoamerica dal XIV al XVI secolo.

La cultura azteca era organizzata in città-stato, alcune delle quali si unirono per formare alleanze, confederazioni politiche o imperi. L'Impero azteco era una confederazione di tre città-stato fondata nel 1427: Tenochtitlan, la città-stato Mexica o Tenochca; Texcoco; e Tlacopan, precedentemente parte dell'Impero Tepaneco, il cui potere dominante era Azcapotzalco.

Sebbene il termine aztechi sia spesso usato per riferirsi ai Mexica di Tenochtitlan, è anche usato ampiamente per riferirsi alle comunità politiche o ai popoli Nahua del Messico centrale durante l'era coloniale preispanica e spagnola. Da quando lo scienziato tedesco Alexander von Humboldt ne stabilì l'uso comune all'inizio del diciannovesimo secolo, le definizioni di azteco e azteco sono state a lungo oggetto di dibattito accademico. (Fonte: Britannica)

Quello che devi sapere sul Chihuahua

Gli attuali standard di razza dei registri richiedono un testa di mela or cupola di mele conformazione del cranio. I chihuahua con cupole a mela hanno occhi grandi e rotondi e orecchie grandi ed erette incastonate in un cranio alto e drammaticamente arrotondato. Lo stop è ben definito, con il muso che incontra il cranio con un angolo di quasi 90 gradi.

Si possono ancora registrare cani del tipo di cervo più anziano, con testa appiattita, occhi più aperti, orecchie più grandi e zampe più lunghe e snelle; tuttavia, la testa di cervo non è considerata un tipo separato in competizione e la deviazione dallo standard di razza è considerata un difetto.

Gli standard di razza per questo cane generalmente non specificano un'altezza; sono specificati solo un peso e una descrizione delle loro proporzioni complessive. L'altezza media di un cane è compresa tra 15 e 23 cm; tuttavia, alcuni cani possono raggiungere un'altezza compresa tra 30 e 38 cm. Per conferma, un Chihuahua non deve pesare più di 5.9 libbre, secondo gli standard di razza britannici e americani. (Fonte: American Kennel Club)

Da dove vengono i chihuahua?

Si pensa che il Chihuahua, scoperto a metà del diciannovesimo secolo, sia un diretto discendente del Techichi, un piccolo cane del deserto che risale ai tempi dei Maya. Questi cani precolombiani erano simili per dimensioni e forma ai Chihuahua e si pensa che siano stati addomesticati dall'antica civiltà Tolteca.

Sebbene la razza Techichi non sia più esistente, le raffigurazioni di questo cane in cimeli ed effigi storici indicano che possedevano caratteristiche fisiche distinte che sono comunemente associate ai moderni Chihuahua.

Secondo una ricerca condotta dall'Institute of Technology di Stoccolma, circa il 70% del DNA del Chihuahua moderno proviene dall'antico Techichi sudamericano. Per decenni, il restante 30% è stato fonte di contesa. Secondo le prove, il DNA sconosciuto molto probabilmente proveniva da una razza di cani al di fuori del Messico. La razza esatta, tuttavia, è ancora sconosciuta. (Fonte: Bil-Jac)

Lascia un tuo commento