Casa » La nostra storia » Thomas Jefferson non credeva che gli animali si fossero estinti. Credeva che mastodonti, bradipi giganti e dinosauri esistessero ancora negli Stati Uniti. Chiese a Lewis e Clark di riportare in vita i mastodonti.
mastodonti

Thomas Jefferson non credeva che gli animali si fossero estinti. Credeva che mastodonti, bradipi giganti e dinosauri esistessero ancora negli Stati Uniti. Chiese a Lewis e Clark di riportare in vita i mastodonti.

I mastodonti sono proboscidi estinti del Miocene superiore o del Pliocene superiore che vissero nell'America settentrionale e centrale dal Miocene superiore alla fine del Pleistocene da 10,000 a 11,000 anni fa. I mastodonti erano principalmente abitanti delle foreste che vivevano in branchi. Ma sapevi chi ha chiesto a Lewis e Clark di riportare i Mastodonti viventi negli Stati Uniti? 

Thomas Jefferson credeva che le specie animali non potessero estinguersi e che nell'ovest americano esistessero mastodonti, bradipi giganti e dinosauri. Ha chiesto a Lewis e Clark di riportare in vita i Mastodonti.

Thomas Jefferson, il non credente dell'estinzione

Thomas Jefferson raccolse avidamente tali resoconti perché erano fondamentali per la sua comprensione della scienza. Jefferson non credeva nel concetto di estinzione. Era particolarmente affascinato dal mastodonte americano, il parente elefante che da molti anni chiamava "il mammut". Fu solo nel 1806 a Parigi che il naturalista francese Georges Cuvier si separò formalmente mastodonte da mammut e ha concluso che c'erano due specie di elefanti viventi.

Tuttavia, Jefferson aveva già concluso nelle sue Note sullo Stato della Virginia che i mammut adattati al freddo erano distinti dagli elefanti tropicali africani e asiatici viventi. Ha accumulato una vasta collezione di resti di "mammut" nel corso degli anni, che ha esposto nell'atrio di Monticello, la sua grande casa in Virginia.

Gaylord Simpson sottolinea che Jefferson non credeva nell'estinzione per motivi religiosi e che nel suo articolo su Megalonyx, iniziò con una teoria secondo cui l'animale era un gigantesco leone americano e poi tentò di dimostrarlo raccogliendo prima i fatti. Entrambe queste accuse sono vere. Tuttavia, la situazione è molto più complicata di quanto Simpson avesse previsto.

Jefferson ha riconosciuto il fatto ovvio che specie e popolazioni si sono estinte, come il lupo e l'orso in Gran Bretagna o vari gruppi di indiani d'America. Credeva anche che tali perdite fossero compensate dalla natura.

Nel caso del mastodonte e del Megalonyx, Jefferson, l'avvocato, ha affermato che le ossa esistono; quindi, l'animale è esistito. Se questo animale è esistito una volta, è probabile che esista ancora. Tuttavia, ha anche discusso come uno scienziato. Ha dedicato quattro pagine su quattordici del suo articolo Megalonyx ai resoconti dei viaggiatori occidentali di incontri come quelli descritti sopra. In questo senso, la sua visione dell'estinzione può essere vista come un'ipotesi supportata da prove.

Una domanda più difficile riguarda la percezione di Jefferson del suo mastodonte e delle ossa del Megalonyx. Un'attenta ricerca degli scritti di Jefferson, resi ora possibili dalla disponibilità di database ricercabili, rivela che non li ha mai definiti fossili. Per lui erano sempre solo ossa, e né Notes on the State of Virginia né le sue lettere contengono la parola fossil. (Fonte: Lo scienziato americano)

Thomas Jefferson, il padre della paleontologia dei vertebrati americana? 

Gli storici hanno soprannominato Jefferson il Padre della paleontologia americana dei vertebrati per la sua analisi del mastodonte e la descrizione di Megalonyx. Tuttavia, il paleontologo George Gaylord Simpson ha sostenuto 65 anni fa in una revisione magistrale della storia della paleontologia dei vertebrati americani che Jefferson non meritava questo onore perché le sue azioni non erano sufficientemente scientifiche. (Fonte: Lo scienziato americano)

Lascia un tuo commento