Casa » Scienza » Scienziati in Australia stavano studiando gli uccelli e li hanno dotati di imbracature per il monitoraggio. Un gruppo di gazze si è aiutato a vicenda a togliersi le imbracature.
Magpies

Scienziati in Australia stavano studiando gli uccelli e li hanno dotati di imbracature per il monitoraggio. Un gruppo di gazze si è aiutato a vicenda a togliersi le imbracature.

Le gazze appartengono alla famiglia degli uccelli Corvidae. Come altri membri della famiglia, sono spesso considerati creature intelligenti. La gazza eurasiatica, ad esempio, è considerata una delle creature più intelligenti del pianeta. È una delle poche specie non mammiferi in grado di riconoscersi in un test allo specchio. Ma come ha fatto un gruppo di Magpies a superare in astuzia i ricercatori?

Gli scienziati che studiano gli uccelli in Australia li hanno legati con imbracature di localizzazione e gli uccelli si sono aiutati a vicenda per rimuovere le cinghie.

L'imbracatura magnetica

L'imbracatura presentava anche una caratteristica unica. Aveva una chiusura lunga un millimetro che si apriva automaticamente quando l'uccello si avvicinava a una calamita, provocando il distacco dell'imbracatura. I ricercatori intendevano installare magneti nelle stazioni di alimentazione in modo che il magnete sganciasse l'imbracatura quando un uccello atterrava sulla stazione. Dopo che l'uccello è volato via, i ricercatori hanno potuto recuperare il dispositivo di localizzazione ed esaminare i dati registrati.

Hanno scelto la gazza australiana per la loro prima prova. Le gazze sono lunghe all'incirca da 36 a 44 cm e pesano circa 300 grammi, il che le rende all'incirca delle stesse dimensioni dei piccioni.

I ricercatori hanno allestito stazioni di alimentazione in un'area in cui viveva un gruppo di gazze. Dopo sei settimane, hanno messo trappole a rete morbida nelle stazioni di alimentazione e hanno catturato cinque gazze per il loro processo.

Gli uccelli erano dotati di imbracature GPS e avevano bande identificative attaccate alle zampe. Sono stati poi rilasciati.

I ricercatori hanno notato quasi immediatamente uno degli uccelli che beccava il guinzaglio. Due uccelli non intrappolati si avvicinarono al primo uccello e beccarono l'imbracatura. Nel giro di mezz'ora, uno degli uccelli "aiutanti" scoprì la chiusura magnetica e la tagliò con il becco. L'imbracatura si era slacciata. (Fonte: Insegnare notizie ai bambini)

Aiutarsi a vicenda

Secondo i ricercatori, una gazza diversa ha assistito alla rimozione dell'imbracatura di un'altra gazza. Hanno visto quattro uccelli che venivano aiutati a uscire dai loro finimenti in tutto. Entro il quarto giorno, tutte le imbracature erano state rimosse.

Il fallimento delle loro imbracature ha deluso i ricercatori. Ma hanno riconosciuto di aver scoperto due fatti significativi sulle gazze.

Uno è che le gazze possono affrontare compiti impegnativi, come determinare come rimuovere le imbracature. La seconda lezione è stata che numerosi altri uccelli hanno assistito un uccello che sentivano in difficoltà.

Molti uccelli che vivono in gruppo cooperano in compiti come cacciare o allevare i loro piccoli a beneficio dell'intero gruppo. Tuttavia, questi uccelli lo stavano facendo altruisticamente. Anche se non ha ricevuto alcun vantaggio personale dal gesto nobile, un uccello ha assistito un altro.

Secondo gli esperti, le persone che sviluppano nuovi sistemi di monitoraggio per gli uccelli dovrebbero ricordare che alcuni uccelli collaborano per risolvere le difficoltà. (Fonte: Insegnare notizie ai bambini)

Il salvataggio delle gazze

Finora, la maggior parte delle specie di uccelli monitorati, come gli uccelli acquatici e i rapaci, non sono stati molto amichevoli o ritenuti risolutori di problemi cognitivi. Non abbiamo mai pensato che le gazze vedessero il tracker come un parassita che doveva essere rimosso.

Il monitoraggio delle gazze è fondamentale per gli sforzi di conservazione poiché questi uccelli sono sensibili alla crescente frequenza del cambiamento climatico e all'intensità delle ondate di calore.

Secondo uno studio, il tasso di sopravvivenza dei pulcini di gazza nelle ondate di caldo può arrivare fino al 10%.

Hanno anche scoperto che temperature più elevate diminuivano la capacità cognitiva per compiti come il foraggiamento. In un clima in costante riscaldamento, i comportamenti cooperativi possono diventare ancora più cruciali. (Fonte: ABC News)

Immagine da Phys.Org

Lascia un tuo commento