Afferrare il ghiaccio è stato trovato utile per i clienti che hanno tendenze all'autolesionismo. Il ghiaccio consente uno stimolo fisiologico o uno shock al corpo che coinvolge i centri sensoriali nel cervello simili a quelli coinvolti nel taglio, nel bruciore, ecc.

Sebbene il mio modello in cinque fasi si basi su teorie e abilità di consulenza fondamentali, lo offro qui come guida per consigliare i clienti che hanno subito violenze sessuali.

La quantità di tempo trascorso in questa fase varia tipicamente da una a tre sessioni a seconda della storia del trauma del cliente, della presentazione e del comfort con la terapia e della valutazione dei bisogni di base del cliente.

Per facilitare un ambiente che si senta di supporto e sicuro, utilizzo il linguaggio del cliente, mi concentro su riflessioni appropriate e accurate e consento al cliente di emote senza molto intervento da parte mia.

Completo la valutazione per concentrarmi maggiormente sulla storia correlata al trauma, sia specifica del trauma sessuale che del trauma complesso (qualsiasi precedente incidenza correlata al trauma che un cliente identifica come aver vissuto).

Questo focus è utile per valutare la resilienza del cliente, ottenere informazioni sulla soglia di stress di un cliente e ottenere una maggiore consapevolezza dei potenziali schemi cognitivi disadattivi che il cliente potrebbe possedere in relazione a qualsiasi situazione o trauma attuale.

La fase 1 consiste anche in un focus psicoeducativo che è utile per aumentare la fiducia del cliente nel perseguire e mantenere i servizi terapeutici.

Dopo aver completato la valutazione psicosociale, archivio la valutazione nella cartella del cliente per riesaminarla più tardi nel processo terapeutico e fornire al cliente materiali relativi al trauma sulle risposte normative che possono essere sperimentate in tutti gli aspetti del funzionamento del , mentale, sociale, ecc.) In questo momento, accompagno il cliente attraverso una lista di controllo dei sintomi del trauma che include domande relative a emozioni, comportamento e cognitive.

Nella fase 2, incoraggio i clienti a fare una pausa dalla nostra attenzione immediata sul trauma sessuale e ad esplorare invece i loro punti di forza percepiti.

Questa fase si discosta leggermente da altre terapie incentrate sul trauma, offrendo ai clienti il ​​tempo assegnato per impegnarsi in un'esplorazione intrapersonale separata dal loro trauma.

Spesso spiego la differenza tra empatia e simpatia durante questa fase per aiutare i clienti a identificare quale si sentiva più di supporto e quando.

In questa fase, incoraggio i clienti verso una maggiore visione positiva di sé e fiducia in se stessi e la capacità di cercare sostegno da parte di individui che possono fornirlo.

Nella fase 3, esploro l'elaborazione cognitiva dei clienti.

Durante questa fase, ricordo la valutazione iniziale (narrazione iniziale del trauma recente) e lavoro con i clienti per identificare come raccontano la loro storia e descrivono il loro funzionamento attuale.

La speranza è che i clienti riconoscano quindi il potenziale nei loro sistemi di supporto e, incorporando una maggiore fiducia in se stessi dalla fase precedente, si sentiranno a proprio agio nel trasmettere e ottenere un supporto più efficace ed efficiente da amici e familiari.

Lo separo intenzionalmente da questo e lo faccio seguire dalla fase cognitiva perché ho scoperto che ci sono risposte emotive residue e intense che spesso superano le capacità dei clienti di razionalizzare o calmarsi.

I clienti con traumi complessi o mancanza di capacità di coping efficaci spesso riferiscono intorpidimento, senso di disconnessione dal proprio corpo, risposte ansiose intense e apparentemente incontrollabili e comportamenti autolesionistici o automedicanti in varie forme.

In questa fase, utilizzo principalmente interventi basati sulla Gestalt per aiutare i clienti a comprendere meglio la comunicazione mente-corpo in relazione alla risposta emotiva.

Chiedo ai clienti di guidarmi attraverso un recente episodio correlato a un trauma, facendoli concentrare su ciò che sentivano fisicamente contro emotivamente o cognitivamente.

È a questo punto del processo terapeutico che i clienti mostrano e auto-segnalano risposte emotive e cognitive più stabili allo stress e un uso più efficace di sane capacità di coping.

Questi stessi clienti si sono impegnati nel lavoro sul trauma prima nel processo terapeutico di quanto non abbiano i nostri clienti trattati senza il modello in cinque fasi.

I principi di questo modello includono capacità di valutazione efficaci, un focus sulla storia del cliente e traumi complessi, empowerment e incoraggiamento dei clienti, un approccio empatico basato sulla forza e l'incorporazione di CBT / REBT e interventi basati sulla Gestalt.


Fonte: Consulenza alle vittime di violenza sessuale