I ragni vedova nera maschi tendono a selezionare i loro compagni determinando se la femmina ha già mangiato per evitare di essere mangiata da sola.

Latrodectus è un genere di ragni ampiamente distribuito, che è composto sia da ragni vedova nera che da ragni vedova marrone. [3] [4] [5] [6] Un membro della famiglia Theridiidae, questo genere contiene 31 specie, [2] comprese le vedove nere nordamericane (L.

I ragni vedova femmina sono tipicamente di colore marrone scuro o nero lucido quando sono completamente cresciuti, di solito esibiscono una clessidra rossa o arancione sulla superficie ventrale (lato inferiore) dell'addome; alcuni possono avere un paio di punti rossi o non avere alcun segno.

I corpi dei ragni vedova nera variano da 3 a 10 mm (0.12-0.39 pollici) di dimensioni; alcune femmine possono misurare 13 mm (0.51 pollici) di lunghezza del loro corpo. [7]

Vedova nera del sud giovanile (Latrodectus mactans)

La resistenza alla trazione finale e altre proprietà fisiche della seta di Latrodectus hesperus (vedova nera occidentale) sono risultate simili alle proprietà della seta dei ragni tessitori di sfere che erano state testate in altri studi.

Latrodectus corallinus Abalos, 1980 - Argentina

Latrodectus dahli Levi, 1959 - Dal Marocco all'Asia centrale

Latrodectus diaguita Carcavallo, 1960 - Argentina

Latrodectus elegans Thorell, 1898 - India, Myanmar, Cina, Giappone

Latrodectus hesperus Chamberlin & Ivie, 1935 – North America, Israel

Latrodectus karrooensis Smithers, 1944 - Sud Africa

Latrodectus katipo Powell, 1871 - Nuova Zelanda

Latrodectus mirabilis (Holmberg, 1876) - Argentina

Latrodectus quartus Abalos, 1980 - Argentina

Latrodectus rhodesiensis Mackay, 1972 - Africa meridionale

Latrodectus thoracicus Nicolet, 1849 - Cile

Latrodectus tredecimguttatus (Rossi, 1790) (specie tipo) - Dal Mediterraneo alla Cina

Latrodectus variegatus Nicolet, 1849 - Cile, Argentina

Latrodectus variolus Walckenaer, 1837 - USA, Canada

In Nord America, le vedove nere comunemente note come meridionali (Latrodectus mactans), occidentali (Latrodectus hesperus) e settentrionali (Latrodectus variolus) possono essere trovate negli Stati Uniti, così come in parti del Canada meridionale, in particolare nella valle di Okanagan British Columbia, così come i ragni "grigi" o "vedova marroni" (Latrodectus geometricus) e i "ragni vedova rossa" (Latrodectus bishopi). [22]

Negli Stati Uniti, dal 1983 non è stato segnalato alcun decesso di vedove nere all'American Association of Poison Control Centers [25]. Le vedove nere non sono ragni particolarmente aggressivi e raramente mordono gli esseri umani a meno che non siano spaventate o minacciate in altro modo. [26]

Morsi fatali sono stati segnalati all'inizio del XX secolo principalmente con Latrodectus tredecimguttatus, la vedova nera del Mediterraneo. [20]

Ragni della vedova nera.

"Il sacco delle uova nell'identificazione delle specie di Latrodectus (ragni vedova nera)" (PDF).

"Ragni vedova nordamericani del gruppo Latrodectus curacaviensis".


Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Latrodectus

Latrodectus

Latrodectus è un genere di ragni ampiamente distribuito, che è composto sia da ragni vedova nera che da ragni vedova marrone. [3] [4] [5] [6] Un membro della famiglia Theridiidae, questo genere contiene 31 specie, [2] comprese le vedove nere nordamericane (L. mactans, L. Hesperus e L. variolus), la vedova nera europea (L. tredecimguttatus), il dorso australiano vedova nera (L. hasseltii) e ragni bottoni dell'Africa meridionale. Le specie variano ampiamente in termini di dimensioni. Nella maggior parte dei casi, le femmine sono di colore scuro e facilmente identificabili da segni rossastri sull'addome, che sono spesso a forma di clessidra.

Questi piccoli ragni hanno un veleno insolitamente potente contenente la neurotossina latrotossina, che causa la condizione latrodectismo, entrambi dal nome del genere. I ragni vedova femmina hanno ghiandole velenifere insolitamente grandi e il loro morso può essere particolarmente dannoso per i grandi vertebrati, compreso l'uomo. Solo i morsi delle femmine sono pericolosi per l'uomo. Nonostante la loro notorietà, i morsi di Latrodectus sono raramente fatali o addirittura producono gravi complicazioni.

Descrizione [modifica]

I ragni vedova femmina sono tipicamente di colore marrone scuro o nero lucido quando sono completamente cresciuti, di solito esibiscono una clessidra rossa o arancione sulla superficie ventrale (lato inferiore) dell'addome; alcuni possono avere un paio di punti rossi o non avere alcun segno. I ragni vedova maschi mostrano spesso vari segni rossi o rossi e bianchi sulla superficie dorsale (lato superiore) dell'addome, che vanno da una singola striscia a barre o macchie, e i giovani sono spesso simili al modello maschile. Le femmine di alcune specie sono di colore marrone più chiaro e alcune non hanno segni luminosi. I corpi dei ragni vedova nera variano da 3 a 10 mm (0.12-0.39 pollici) di dimensioni; alcune femmine possono misurare 13 mm (0.51 pollici) di lunghezza del loro corpo. [7]

Comportamento [modifica]

Vedova nera del sud giovanile (Latrodectus mactans)

La prevalenza del cannibalismo sessuale, un comportamento in cui la femmina mangia il maschio dopo l'accoppiamento, ha ispirato il nome comune “vedova ragni”. [8] Questo comportamento può promuovere le probabilità di sopravvivenza della prole; [9] tuttavia, le femmine di alcune specie mostrano questo comportamento solo raramente, e gran parte delle prove documentate di cannibalismo sessuale sono state osservate in gabbie di laboratorio dove i maschi non potevano fuggire. I ragni vedova nera maschi tendono a selezionare i loro compagni determinando se la femmina ha già mangiato per evitare di essere mangiata da sola. Sono in grado di capire se la femmina si è nutrita rilevando sostanze chimiche nella rete. [10] [11]

Come altri membri dei Theridiidae, i ragni vedova costruiscono una rete di fibre di seta irregolari, aggrovigliate e appiccicose. I ragni vedova nera preferiscono nidificare vicino al suolo in aree buie e indisturbate, di solito in piccoli buchi prodotti dagli animali, o intorno ad aperture di costruzione o cataste di legno. I nidi interni si trovano in luoghi bui e indisturbati come sotto le scrivanie o i mobili o in un seminterrato. [12] Il ragno è spesso appeso a testa in giù vicino al centro della sua tela e aspetta che gli insetti entrino e rimangano bloccati. Quindi, prima che l'insetto possa districarsi, il ragno si precipita ad avvelenarlo e avvolgerlo nella seta. Per nutrirsi, la bocca pulsa i succhi digestivi sulla preda che viene liquefatta e quindi interiorizzata per azione capillare, consentendo al liquame di essere risucchiato in bocca. [13] [14] La loro preda è costituita da piccoli insetti come mosche, zanzare, cavallette, scarafaggi e bruchi. [14] Se il ragno percepisce una minaccia, si abbassa rapidamente a terra su una linea di sicurezza di seta.

Come con altri tessitori di ragnatele, questi ragni hanno una vista molto scarsa e dipendono dalle vibrazioni che li raggiungono attraverso le loro ragnatele per trovare prede intrappolate o avvertirli di minacce più grandi. Quando un ragno vedova è intrappolato, è improbabile che morda, preferendo fingere di essere morto o sfiorare la seta alla potenziale minaccia; i morsi si verificano quando non possono sfuggire. [15] Molte lesioni agli esseri umani sono dovute a morsi difensivi consegnati quando un ragno viene schiacciato o pizzicato involontariamente. Il blue mud dauber (Chalybion californicum) è una vespa che, negli Stati Uniti occidentali, è il principale predatore dei ragni vedova nera. [16]

La resistenza alla trazione finale e altre proprietà fisiche della seta di Latrodectus hesperus (vedova nera occidentale) sono risultate simili alle proprietà della seta dei ragni tessitori di sfere che erano state testate in altri studi. La resistenza alla trazione per i tre tipi di seta misurata nello studio Blackledge era di circa 1,000 MPa. La forza massima riportata in uno studio precedente per Nephila edulis era di 1,290 ± 160 MPa. [17] La resistenza alla trazione della seta di ragno è paragonabile a quella del filo di acciaio dello stesso spessore. [18] [non citata] Tuttavia, poiché la densità dell'acciaio è circa sei volte quella della seta, [19] la seta è corrispondentemente più forte filo di acciaio dello stesso peso.

I ragni del genere Steatoda (anche dei Theridiidae) vengono spesso scambiati per ragni vedova, e sono conosciuti come “ragni false vedove”; sono significativamente meno dannosi per l'uomo.

Tassonomia [modifica]

L. elegans maschio dal Giappone

L. capelli e segni di esperimento

L. profilo esperimento

Lato ventrale di una L. geometricus recante la marcatura a clessidra

Lato dorsale di un L. geometricus in Colorado, Stati Uniti

L. hesperus con sacco di uova

L. tredecimguttatus (femmina gonfia di uova)

Il genere Latrodectus fu eretto da Charles Athanase Walckenaer nel 1805, per le specie Latrodectus tredecimguttatus e Latrodectus mactans. [1] [20] L'aracnologo Herbert Walter Levi ha rivisto il genere nel 1959, studiando gli organi sessuali femminili e rilevando la loro somiglianza tra le specie descritte. Ha concluso che le variazioni di colore erano variabili in tutto il mondo e non erano sufficienti a garantire lo status di specie, e ha riclassificato il dorso rosso e molte altre specie come sottospecie del ragno vedova nera. [21]

Levi ha anche notato che lo studio del genere era stato controverso; nel 1902, sia FO Pickard-Cambridge che Friedrich Dahl avevano rivisto il genere, e ciascuno criticava l'altro. Cambridge ha messo in dubbio le specie che si separano da Dahl su quelli che considerava dettagli anatomici minori, e quest'ultimo ha liquidato il primo come un "ignorante". [21]

Specie [modifica]

A partire da luglio 2017, il catalogo World Spider ha accettato le seguenti specie: [1]

Latrodectus antheratus (Badcock, 1932) - Paraguay, Argentina

Latrodectus apicalis Butler, 1877 - Isole Galapagos.

Latrodectus bishopi Kaston, 1938 - USA

Latrodectus cinctus Blackwall, 1865 - Isole di Capo Verde, Africa, Kuwait, Iran

Latrodectus corallinus Abalos, 1980 - Argentina

Latrodectus curacaviensis (Müller, 1776) - Piccole Antille, Sud America

Latrodectus dahli Levi, 1959 - Dal Marocco all'Asia centrale

Latrodectus diaguita Carcavallo, 1960 - Argentina

Latrodectus elegans Thorell, 1898 - India, Myanmar, Cina, Giappone

Latrodectus erythromelas Schmidt & Klaas, 1991 – India, Sri Lanka

Latrodectus geometricus CL Koch, 1841 - Cosmopolitan

Latrodectus hasselti Thorell, 1870 - Sud-est asiatico in Australia, Nuova Zelanda

Latrodectus hesperus Chamberlin & Ivie, 1935 – North America, Israel

Latrodectus hystrix Simon, 1890 - Yemen, Socotra

Latrodectus indistinctus O. Pickard-Cambridge, 1904 - Namibia, Sud Africa

Latrodectus karrooensis Smithers, 1944 - Sud Africa

Latrodectus katipo Powell, 1871 - Nuova Zelanda

Latrodectus lilianae Melic, 2000 - Spagna, Algeria

Latrodectus mactans (Fabricius, 1775) - probabilmente originario solo del Nord America (introdotto altrove)

Latrodectus menavodi Vinson, 1863 - Madagascar, Isole Comore, Aldabra

Latrodectus mirabilis (Holmberg, 1876) - Argentina

Latrodectus obscurior Dahl, 1902 - Isole di Capo Verde, Madagascar

Latrodectus pallidus O. Pickard-Cambridge, 1872 - Isole di Capo Verde, dalla Libia all'Asia centrale

Latrodectus quartus Abalos, 1980 - Argentina

Latrodectus renivulvatus Dahl, 1902 - Africa, Arabia Saudita, Yemen, Iraq

Latrodectus revivensis Shulov, 1948 - Israele

Latrodectus rhodesiensis Mackay, 1972 - Africa meridionale

Latrodectus thoracicus Nicolet, 1849 - Cile

Latrodectus tredecimguttatus (Rossi, 1790) (specie tipo) - Dal Mediterraneo alla Cina

Latrodectus variegatus Nicolet, 1849 - Cile, Argentina

Latrodectus variolus Walckenaer, 1837 - USA, Canada

Distribuzione [modifica]

I ragni vedova possono essere trovati in tutti i continenti del mondo tranne l'Antartide. In Nord America, le vedove nere comunemente note come meridionali (Latrodectus mactans), occidentali (Latrodectus hesperus) e settentrionali (Latrodectus variolus) possono essere trovate negli Stati Uniti, così come in parti del Canada meridionale, in particolare nella valle di Okanagan British Columbia, così come i ragni "grigi" o "vedova marroni" (Latrodectus geometricus) e i "ragni vedova rossi" (Latrodectus bishopi). [22]

La specie più diffusa nell'Asia orientale e in Australia è comunemente chiamata dorso rosso (Latrodectus hasselti).

Bite [modifica]

A causa della presenza di latrotossine nel loro veleno, i morsi della vedova nera sono potenzialmente pericolosi e possono provocare effetti sistemici (latrodettismo) tra cui forti dolori muscolari, crampi addominali, iperidrosi, tachicardia e spasmi muscolari. [23] I sintomi di solito durano 3-7 giorni, ma possono persistere per diverse settimane. [24]

Negli Stati Uniti ogni anno circa 2,200 persone riferiscono di essere state morse da una vedova nera, ma la maggior parte non ha bisogno di cure mediche. Alcuni morsi non hanno veleno iniettato, un morso "secco". Negli Stati Uniti, dal 1983 non è stato segnalato alcun decesso di vedove nere all'American Association of Poison Control Centers [25]. Le vedove nere non sono ragni particolarmente aggressivi e raramente mordono gli esseri umani a meno che non siano spaventate o minacciate in altro modo. [26]

Contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte delle persone che vengono morse non subisce danni gravi, per non parlare della morte. Morsi fatali sono stati segnalati all'inizio del XX secolo principalmente con Latrodectus tredecimguttatus, la vedova nera del Mediterraneo. [20]

Poiché è improbabile che il veleno sia pericoloso per la vita, l'antidoto è stato utilizzato per alleviare il dolore e non per salvare vite umane. [28] Tuttavia, uno studio ha dimostrato che i farmaci antidolorifici standardizzati, se combinati con un antiveleno o un placebo, hanno avuto miglioramenti simili nel dolore e nella risoluzione dei sintomi. [28]

Vedi anche [modifica]

Elenco dei ragni associati a reazioni cutanee

[Edit]

Ulteriore lettura [modifica]

Hillyard, Paul (1994). Il libro dei ragni. New York: Avon Books. pagg. 22–35.

Martin, Louise (1988). Ragni della vedova nera. Rourke Enterprises, Inc., pagg. 18-20.

Preston-Malfham, Ken (1998). Ragni. Edison, New Jersey: Chartwell Books. p. 40.

Abalos, JW (1962). "Il sacco delle uova nell'identificazione delle specie di Latrodectus (ragni vedova nera)" (PDF). Estratto il 26 settembre 2013.

Levi, HW; McCrone, JD (1964). "Ragni vedova nordamericani del gruppo Latrodectus curacaviensis". Psiche. 71 (1): 12–27. doi: 10.1155 / 1964/86469.

Collegamenti esterni [modifica]

Mezzi relativi a Latrodectus a Wikimedia Commons

Albero della vita: Latrodectus

Descrizione degli esperimenti di incrocio tra varie specie di Latrodectus

Parassitoidi dei ragni vedova sul sito web UF / IFAS Featured Creatures