I pellegrini non hanno effettivamente lasciato l'Inghilterra a causa della persecuzione religiosa. Se ne andarono perché erano fedeli conservatori puritani e non pensavano che la chiesa fosse abbastanza severa.

Motivi della migrazione da e verso la Gran Bretagna: religione e idee

Piantagioni dell'Ulster, padri pellegrini e migrazione degli ugonotti

Guardando ad ovest

I secoli XVI e XVII furono periodi di enormi cambiamenti in Gran Bretagna e in Europa. Il cristianesimo era ancora la forza intellettuale dominante, ma era stato fortemente influenzato dal Rinascimento culturale del XV secolo. Anche gli sviluppi intellettuali della rivoluzione scientifica nel XVII secolo hanno avuto un ruolo nell'istigare il cambiamento in tutta Europa.

La Chiesa cristiana si è divisa in cattolica e protestante attraverso un movimento chiamato Riforma. Questi cambiamenti hanno prodotto una serie di situazioni in cui gruppi di persone hanno deciso di emigrare a causa della loro religione.

Piantagioni dell'Ulster e migrazione in Irlanda

Nel XVI secolo ... Continua a leggere (lettura di 4 minuti)

12 pensieri su “I pellegrini non hanno effettivamente lasciato l'Inghilterra a causa della persecuzione religiosa. Se ne sono andati perché erano fedeli conservatori puritani e non pensavano che la chiesa fosse abbastanza severa ".

  1. marcvanh

    Sono cresciuto pensando che gli olandesi fossero super religiosi e conservatori perché è così che erano i miei nonni, emigrati negli Stati Uniti negli anni '50. Quando ho scoperto che gli olandesi non erano affatto così, l'ho chiesto ai miei nonni.

    Hanno detto "ecco perché ce ne siamo andati"

  2. Sì, proprio come il giardino

    Penso che siano stati perseguitati, ma spesso le persone presumono erroneamente che fossero più accomodanti e la chiesa era troppo severa. Di solito era l'opposto. Le parole che useremmo oggi sono fanatici, zeloti, eretici, fondamentalisti, leader di sette ... ecc.

  3. wjbc

    Non è esatto affermare che a quel tempo non ci fosse persecuzione dei puritani in Inghilterra. Il puritano Edward Wightman fu bruciato sul rogo nel 1612 per eresia.

    Giacomo I sembrava molto meno tollerante nei confronti dei puritani di Elisabetta I. E c'era il vero timore che James si unisse alla Chiesa cattolica e tornasse ai giorni di "Bloody Mary", il predecessore di Elisabetta, che ottenne quel soprannome perché aveva giustiziato centinaia di protestanti durante la sua breve regno come regina d'Inghilterra.

    Quindi sì, i puritani volevano adorare come volevano. E no, non potevano farlo senza timore di rappresaglie in Inghilterra.

    Ora, i puritani stessi erano intolleranti? Sì. Alcuni decenni dopo giustiziarono i quaccheri per blasfemia a Boston, e in Inghilterra Cromwell salì al potere e fu poco tollerante. Ma resta il fatto che sono venuti in America cercando di praticare la loro religione senza timore di persecuzioni.

  4. daterqa

    Ricordo che quando un governo puritano aveva il controllo nel 1647, ad un certo punto addirittura vietò il Natale. Quasi nulla a che fare con il divertimento che hanno bandito.

  5. noprofiles

    Hanno lasciato l'Inghilterra e l'Olanda per sfuggire alla tolleranza e vivere in un modo che permetta loro di perseguitare chi vogliono come vogliono.

  6. Steph1er

    creeremo il nostro paese. senza blackjack e prostitute.

  7. Caassapaba

    La tradizione WASP onorata dal tempo di nominare ogni caso in cui non ottengono ciò che vogliono, persecuzione.

  8. Exemplar1968

    Pensavo sinceramente che questo fosse noto. Scuse OP. Qui nel Regno Unito ci viene insegnato questo.

  9. ClF3ismyspiritanimal

    "Sono perseguitato perché non mi permetti di imporre le mie convinzioni su di te." Sicuramente proto-americani.

  10. putoelquelolea

    I pellegrini ei puritani non sono la stessa cosa.

  11. flaagan

    Ricordo di averlo appreso quando ero più giovane e di non essere minimamente sorpreso dal fatto che la scuola cattolica in cui frequentavo da bambino lo avesse descritto come l'angolo di "uscita dalla persecuzione".

Lascia un tuo commento