Il fondatore di Bitcoin è qualcuno chiamato Satoshi Nakamoto. Nessuno sa chi sia, qual è il suo vero nome o dove vive. Detiene 1 milione di bitcoin, pari a 13.4 miliardi di dollari.

Satoshi Nakamoto

Satoshi Nakamoto è il nome utilizzato dalla presunta persona o persone pseudonime che hanno sviluppato bitcoin, autore del white paper bitcoin e creato e distribuito l'implementazione di riferimento originale di bitcoin. Come parte dell'implementazione, Nakamoto ha anche ideato il primo database blockchain. Nel processo, Nakamoto è stato il primo a risolvere il problema della doppia spesa per la valuta digitale utilizzando una rete peer-to-peer. Nakamoto è stato attivo nello sviluppo di bitcoin fino a dicembre 2010. Molte persone hanno affermato, o sono state rivendicate, di essere Satoshi Nakamoto.

Nakamoto ha dichiarato che il lavoro sulla scrittura del codice per bitcoin è iniziato nel 2007. Il 18 agosto 2008 lui o un collega ha registrato il nome di dominio bitcoin.org e ha creato un sito web a quell'indirizzo. Il 31 ottobre 2008, ha pubblicato un documento sulla mailing list di crittografia su metzdowd.com che descrive una criptovaluta digitale, intitolato "Bitcoin: un sistema di contanti elettronico peer-to-peer".

Il 9 gennaio 2009, ha rilasciato la versione 0.1 del software bitcoin su Sourceforge ... Continua a leggere (lettura di 10 minuti)

12 pensieri su “Il fondatore di Bitcoin è qualcuno chiamato Satoshi Nakamoto. Nessuno sa chi sia, qual è il suo vero nome o dove vive. Possiede 1 milione di bitcoin, equivalenti a $ 13.4 miliardi ".

  1. doc_daneeka

    O se è per questo, se esiste davvero. Per quanto ne sappiamo è una squadra di otto persone o qualcosa del genere.

  2. colivingclub

    Possiede più di un miliardo di dollari, quindi forse è per questo che è appena scomparso e non vuole mostrare il suo vero nome. Pensaci.

  3. heniferlopez

    Una delle citazioni di Satoshi:

    Potrebbe avere senso prenderne un po 'nel caso in cui prenda piede. Se un numero sufficiente di persone pensa allo stesso modo, diventa una profezia che si autoavvera.

  4. scott60561

    Una volta non hanno sfilato attorno a un ragazzo asiatico sostenendo che fosse lui? Una sorta di bufala o truffa?

  5. TooShiftyForYou

    L'ortografia e la terminologia occasionali in inglese britannico (come la frase "bloody hard") sia nei commenti del codice sorgente che nei post sul forum hanno portato a ipotizzare che Nakamoto, o almeno un individuo nel consorzio che afferma di essere lui, fosse di origine del Commonwealth.

    Non ho sentito molti giapponesi dire "maledettamente duro".

  6. AnomalousAvocado

    Dicono che una volta la mafia abbia cercato di ricattarlo, ma piuttosto che permettere che abbia ucciso tutta la sua famiglia. Poi ha dato la caccia a tutti i responsabili e ha ucciso anche loro, così come chiunque potesse identificarlo.

  7. Defenestrated_Wombat

    E se Satoshi fosse morto? Come un OD nello scantinato dei genitori o qualcosa del genere, o colpito da un autobus.

  8. JeromesNiece

    Le prove presentate nell'articolo fanno sembrare che Hal Finney sia il candidato più probabile. Anche uno dei miei professori che è un accademico di sicurezza informatica crede che fosse Finney

  9. asherosu

    E se fosse davvero l'attore che ha interpretato Ben in Growing Pains? Tutti dicono, mi chiedo cosa stia facendo Ben di Growing Pains? Non lo vedo in niente da un po '. Si scopre che ha inventato Bit Coin e vale 1.1 miliardi di dollari. Sarebbe una bella storia.

  10. hgmichna

    Un punto interessante è che dopo il recente fork della blockchain BCH c'è una probabilità che i BCH vengano spostati e venduti.

    Se ciò non accade, possiamo ipotizzare provvisoriamente che l'indirizzo del milione di bitcoin sia orfano.

  11. iamedisonlo

    Quindi vivo in una piccola città chiamata Temple City. Tre anni fa, una pubblicazione online chiamata Newsweek ha affermato che viveva a Temple City. Si è scoperto che era solo un anziano signore di nome Satoshi Nakamoto che non aveva nulla a che fare con bitcoin. Dozzine di giornalisti e organi di stampa hanno preso d'assalto questa casa dei poveri per un paio di giorni ...

Lascia un tuo commento