Incontra Susan Butcher, una ragazza del New England il cui unico obiettivo nella vita era vincere la gara Alaskan Iditarod Trail Sled Dog che alla fine vinse 4 volte con tempi record e divenne una delle più grandi musher di tutti i tempi

Susan Butcher

Susan Howlet Butcher (26 dicembre 1954-5 agosto 2006) è stata una musher americana, degna di nota come seconda donna a vincere la Iditarod Trail Sled Dog Race nel 1986, la seconda quattro volte vincitrice nel 1990 e la prima a vincere quattro su cinque anni sequenziali. Viene commemorata in Alaska dal Susan Butcher Day.

Vita e carriera

Finiture Iditarod

Anno

Posizione

Tempo

1978

19°

16d 15h 40m 30s

1979

16d 11h 15m 32s

1980

15d 10h 17m 6s

1981

12d 12h 45m 24s

1982

2nd

16d 4h 43m 53s

1983

13d 10h 25m 32s

1984

2nd

12d 16h 41m 42s

1985

graffiato

1986

1st

11d 15h 6m 0s

1987

1st

11d 2h 5m 13s

1988

Continua a leggere (lettura di 3 minuti)

7 pensieri su "Incontra Susan Butcher, una ragazza del New England il cui unico obiettivo nella vita era vincere la gara di Alaskan Iditarod Trail Sled Dog che alla fine ha vinto 4 volte con tempi record ed è diventata una delle più grandi musher di tutti i tempi"

  1. awill237

    Vivevo in Alaska le prime due volte che si è classificata prima. Era un * enorme * affare. Mi sembra di ricordare che era anche una grande sostenitrice del trattamento adeguato dei cani da pastore, prima che altri li riconoscessero come una squadra e non come uno strumento.

  2. terad

    È stata una bella lettura per il mio sabato mattina. Grazie!

  3. Non un altro qualunque cosa

    È venuta nella nostra scuola un paio di volte e ho uno zio che ha gareggiato contro di lei nell'Iditarod. Non aveva altro che rispetto per lei - all'epoca l'unico musher di cui parlava più bene era Martin Buser - entrambi erano noti per i loro elevati standard di cura del cane.

    Mio zio credeva - e prima di Lance "non avrei conosciuto una buona sportività se prendere a pugni un altro pilota mi avesse cacciato dalle gare" Mackey decollò, penso che questo fosse un atteggiamento più popolare - che mentre la corsa in piedi è importante, la migliore cura del cane Il premio dice molto di più su di te come musher, e se potessi averne solo uno, beh, il primo posto arriva con un camion ma l'altro arriva con rispetto.

    Neanche mio zio ha vinto, ma ha ancora un canile e fa tour per i turisti sui ghiacciai, e spera che un giorno uno dei miei cugini porti a casa il premio per il canile.

    Amo l'Iditarod: preserva la storia e collega la comunità e ha sollevato molta consapevolezza sugli standard di cura degli animali. Adoro l'enfasi sulla sicurezza dei cani, sulla buona sportività e su un'Alaska unificata. Il premio della lanterna rossa, il premio della pepita d'oro, tutto quanto.

    Penso all'anno scorso in cui i musher sono partiti per un mondo normale e sono tornati a casa due settimane dopo per un pieno svolgimento di COVID. Un musher è rimasto intrappolato qui, per molto tempo. Non poteva tornare a casa nel suo paese a causa di COVID.

    Ma la comunità si è unita e si è aiutata a vicenda, proprio come durante l'incendio di Miller Reach. Penso che gran parte di ciò sia dovuto alla tradizione di gentilezza e cura di Susan, Martin, Libby e tutti gli altri musher prima che fossero inchiodati al loro posto. È nelle ossa della gara. Avere un cane che muore sotto le tue cure è un segno così nero contro di te. Le persone ricordano e parlano. A volte è inevitabile dal punto di vista dei corridori: quando una macchina da neve si schianta contro la tua squadra di cani, non puoi controllarlo. Ma quando sei Lance Mackey che perde più cani e li droghi lungo la strada? Nah. Noi ricordiamo. E non ci prendiamo molto bene.

    Alla gente piace Susan, però? Li ricordiamo. E le loro storie informano il nostro futuro. Le loro storie ispirano gli Aliy Zirkles, l'ultimo raccolto di Redingtons, o Smyths. Nelle scuole elementari viene detto come promemoria: puoi fare molto di più se lavori per questo e non mollare di quanto potresti nemmeno immaginare.

    TL; DR - donna meravigliosa, ancora molto venerata qui

  4. funky_grandma

    Ma hai sentito della squadra tutta felina che è entrata nell'Iditarod? Non hanno vinto il primo premio, ma sono tornati a casa con un mucchio di gatti duri e freddi.

  5. idevcg

    dici "unico obiettivo nella vita" ma penso che molte persone non abbiano nemmeno "un unico obiettivo" e sono completamente perse. Fondamentalmente uno zombi vivente per la maggior parte delle loro vite.

    Almeno è così che stavo. Anch'io voglio un unico obiettivo nella vita.

  6. OhioMegi

    Ho un libro che ha scritto. Lo condivido con i miei studenti ogni anno.

  7. cactuspizza

    Musher è una parola così interessante

Lascia un tuo commento