Cosa è successo a Kenny Waters dopo il suo rilascio?

Grazie al sistema giudiziario imperfetto in atto, ci sono diversi uomini e donne innocenti incarcerati per crimini che non hanno commesso. Ecco la storia di Kenny Waters e di come lo scarso giudizio delle autorità abbia portato alla sua ingiusta detenzione. 

Kenny Waters ha trascorso 18 anni della sua vita dietro le sbarre per un crimine che non ha commesso. Non c'erano prove sufficienti, ma nonostante ciò è stato messo in prigione. Dopo che sua sorella si è laureata in giurisprudenza, ha fatto della sua missione di vita liberarlo. Fu rilasciato nel 2001, ma morì sei mesi dopo per uno strano incidente che coinvolse un trauma cranico. 

Il 21 maggio 1980, Katherina Reitz Brow fu brutalmente assassinata nella sua casa di Ayer, nel Massachusetts. Il suo corpo è stato scoperto alle 10:45 del mattino con molteplici ferite da taglio e schizzi di sangue dappertutto. I suoi oggetti di valore, compresi i contanti tenuti in una busta, erano scomparsi.

Gli investigatori sulla scena del crimine (CSI) sono stati chiamati a indagare sulla casa dopo aver scoperto il suo corpo. Gli investigatori assegnati al caso sono riusciti a trovare diversi peli e impronte digitali che non appartenevano alla vittima. L'arma del delitto: un coltello insanguinato è stato trovato nella spazzatura. (Fonte: Il progetto Innocence)

Kenneth "Kenny" Waters era il principale sospettato perché viveva proprio accanto alla vittima. Viveva allora con la sua ragazza Brenda Marsh ed entrambi lavoravano in un ristorante locale dove la vittima (Brow) frequentava. Secondo altri dipendenti e lavoratori della tavola calda, la gente sapeva che la vittima teneva grandi somme di denaro a casa sua.

Il giorno dopo il crimine, la polizia ha chiamato Kenny Waters per interrogarlo. Durante questo periodo sono state rilevate anche le sue impronte digitali. È stato quindi esaminato per eventuali tagli, segni e macchie di sangue che potrebbero collegarlo all'omicidio di Brow. 

Kenny Waters ha fornito alla polizia un solido alibi, affermando che era al lavoro la mattina del suo omicidio. Erano circa le 8:30. Un collega ha accompagnato Kenny a casa quella mattina per cambiarsi d'abito e incontrare il suo avvocato al tribunale di Ayer alle 9:00. Ha lasciato il locale alle 11:00 ed è tornato al ristorante dopo, posizionandolo lontano dalla posizione di Brow fino alle 12:30. La polizia non disponeva di prove sufficienti per sporgere denuncia. È stato rilasciato poco dopo.

Quattro mesi dopo l'omicidio, la polizia ha richiamato Kenny per sottoporgli uno stress test vocale. Uno stress test vocale è simile a un poligrafo. Aveva lo scopo di rilevare l'inganno, ma è stato piuttosto controverso nell'uso. Indipendentemente da ciò, ha accettato e superato il test. (Fonte: Notizie legali sulla prigione)

Nell'ottobre 1982, Robert Osborne, all'epoca fidanzato di Brenda Marsh, si avvicinò alla polizia con informazioni sull'omicidio di Brow. Osborne ha convinto la polizia che Kenny Waters ha confessato l'atroce crimine a Brenda dopo essere tornato a casa con un profondo graffio sul viso. Con solo queste informazioni, la polizia ha arrestato Kenny Waters. 

Il processo iniziò intorno a maggio del 1983. Durante questo periodo, la polizia fece analizzare i capelli, il sangue e le impronte digitali trovati sulla scena. Secondo i pubblici ministeri, le prove trovate non sono state trasmesse ai consulenti legali di Kenny e hanno semplicemente proceduto con il processo presumendo che non ci fossero prove sufficienti per condannare. 

Purtroppo, la corte si è basata su semplici testimonianze di diversi testimoni. Due dei quali includevano gli ex di Kenny Waters - Brenda Marsh e Roseanna Perry. Entrambe le donne hanno affermato che Waters ha confessato l'omicidio e ha ammesso di aver rubato anche a Brow. 

Durante questo periodo, la scienza forense non era così avanzata come oggi. Il test del DNA non era ancora accessibile. Era difficile provare la sua innocenza. È stato condannato per un crimine che non ha commesso. 

Kenny Waters fece diversi appelli dal 1983 al 1999, ma senza successo. Sua sorella Betty Anne Waters, una madre single, ha deciso di andare a scuola di legge e prendere in mano la situazione. Non si era mai arresa con Kenny ed era decisa a liberarlo. 

Nel 1999, Betty Anne è stata in grado di ottenere un'ordinanza del tribunale per acquisire le prove di sangue e inviarle per il test del DNA, che era già disponibile. I risultati del test del DNA hanno mostrato che nessuna delle prove trovate sulla scena era di Kenny. È stato finalmente rilasciato il 15 marzo 2001 dopo aver scontato la sua pena per 18 anni, 5 mesi e 3 giorni. 

Sfortunatamente, Kenny Waters è deceduto dopo sei mesi dal suo rilascio a causa di un trauma cranico causato da una caduta accidentale. 

Betty Anne Waters ha intentato una causa federale contro gli agenti di polizia di Ayer: Philip Connors e Nancy Taylor-Hariss per aver arrestato ingiustamente suo fratello. Entro settembre 2009, il tribunale ha concesso alla famiglia Waters un risarcimento che ammontava a $ 6,729,000 (circa $ 1,000 al giorno in cui Kenny Waters era stato incarcerato), $ 1 milione per malattie fisiche e lesioni che avrebbe potuto subire durante il suo periodo in prigione e $ 3 milioni per qualsiasi dolore e sofferenza, portandolo a un totale di $ 10.73 milioni. (Fonte: Notizie legali sulla prigione)

Nel 2010, un film sulla storia di Kenny Water è stato realizzato da Pamela Gray e Tony Goldwyn. Hilary Swank e Sam Rockwell hanno interpretato rispettivamente i ruoli di Betty Anne e Kenny Waters. (Fonte: IMDB)