Casa » Cibo e Bevande » Cibo » Caramelle e dolci » Qual era la valuta utilizzata dall'antica civiltà Maya?

Qual era la valuta utilizzata dall'antica civiltà Maya?

Si potrebbe esitare sul loro ultimo morso di KitKat se sapessero che il cioccolato era di alto valore ai tempi dei Maya. Con il suo uso nel mercato e come tributo ai loro re, è evidente che l'economia Maya dipendeva in parte dalla loro fornitura di cacao.

Il cioccolato era una preziosa forma di valuta nelle antiche civiltà. Gli esperti ritengono che la mancanza di alberi di cacao coltivati ​​con successo abbia portato al loro alto valore nei periodi Maya. 

Il Cerimoniale Olmec Cacao

KitKat, Cadbury, Marte, Toblerone, e ancora barrette di cioccolato! Se dovessi possedere tutte queste chicche nella civiltà Maya, saresti una delle élite. Il cioccolato è diventato una forma unica di valuta nella civiltà Maya, come scoperto da una nuova ricerca.

Non è chiaro chi abbia iniziato a produrre cioccolato dal cacao in passato, ma le prime scoperte che descrivono il cioccolato con un alto valore erano nella civiltà olmeca. Hayes Levis, un creatore di arti culturali nel Museo Nazionale degli indiani d'America, ha affermato che i vecchi vasi olmechi risalenti al 1500 aC indicavano la presenza della teobromina, uno stimolante nel cioccolato.

Le persone della civiltà olmeca usavano il cacao come bevanda rituale o cerimoniale. Gli esperti rimangono indecisi se hanno usato le fave di cacao o la polpa dei baccelli di cacao. (Fonte: La Nostra Storia

Il venerato cioccolato dei Maya

La conoscenza del cacao della Civiltà Maya derivava dagli insegnamenti della Civiltà Olmeca. I Maya centroamericani erano noti per il loro frequente consumo di cioccolato e per il grande valore che gli attribuivano. (Fonte: La Nostra Storia

David Friedel, antropologo ed esperto Maya della Washington University, ha confermato questa affermazione, affermando che si trattava inequivocabilmente di una valuta a causa del suo diffuso prestigio. 

Gli antichi Maya non usavano mai le monete come moneta. Invece, come molte prime civiltà, si pensava che barattassero principalmente oggetti commerciali come tabacco, mais e vestiti.

Joshua Rapp

L'archeologa Joanne Baron identifica la consueta rappresentazione di baratti di mercato e offerte al re Maya nella sua analisi, in particolare ricerche esistenti sui Maya e immagini classiche dal 250 d.C. al 900 d.C. radicate dalle regioni Maya meridionali e dall'America centrale.

All'interno di queste varie forme d'arte, l'uso del cioccolato divenne prevalente intorno al periodo dell'VIII secolo d.C. In quei tempi il cioccolato veniva spesso utilizzato come forma tipica di pagamento di beni e servizi. (Fonte: Scienza

Come sono arrivati ​​i ricercatori alla teoria?

Visto su un murale del VII secolo, dipinto su una parete piramidale vicino al confine guatemalteco, un uomo scambia un impasto con una donna che offre una ciotola di cioccolata calda schiumosa. Baron spiega inoltre che l'uso del cioccolato era nel commercio in contrasto con l'idea che fosse una forma di denaro.

Contrariamente alla dichiarazione di Joanne Baron, più di 180 reperti di ceramiche e murales dal 691 d.C. al 900 d.C. mostrano che l'uso del cioccolato è diventato simile a quello delle monete. Le fave di cacao essiccate e fermentate conservate in sacchetti di stoffa tessuta etichettati con la quantità erano uno dei tributi o pagamenti delle tasse più mostrati ai leader Maya.

Friedel suggerisce che l'alto valore delle fave di cacao fosse dovuto al ricorrente fallimento del raccolto tra gli alberi di cacao. Baron teorizza che i leader Maya raccogliessero cacao e tessuti come tasse, rafforzando il pagamento del cacao come una valida forma di valuta. L'eccesso di questi è stato utilizzato nel mercato o utilizzato come stipendio di un lavoratore di palazzo. (Fonte: Scienza


L'uso del cacao come moneta di alto valore divenne così abbondante che gli individui iniziarono a produrre falsi cacao fatti di argilla. Gli esperti ipotizzano che una delle ragioni del crollo economico della civiltà Maya sia stata l'interruzione dell'approvvigionamento di cacao. (Fonte: cultura aperta)

Lascia un tuo commento