Casa » Persone e società » Religione e credo » Thomas Jefferson ha creato la sua versione della Bibbia?

Thomas Jefferson ha creato la sua versione della Bibbia?

Conosciuto come un deista che si occupava spesso di libertà religiosa, il terzo presidente degli Stati Uniti, Thomas Jefferson, era un devoto seguace di Gesù Cristo. E sebbene si definisca cristiano, Jefferson non aveva intenzione di riconoscere la divinità di Cristo e le sue opere miracolose dichiarate nella Bibbia. 

Thomas Jefferson ritagliò passaggi dalla Bibbia che contraddicevano le sue convinzioni e fece la sua interpretazione della Sacra Scrittura intitolata la Bibbia di Jefferson, che conteneva due volumi che escludevano la divinità e i miracoli di Gesù. 

La Bibbia di Jefferson

Thomas Jefferson, che un tempo fu presidente degli Stati Uniti dal 1801 al 1909, credeva nel deismo insieme agli altri suoi padri fondatori. Alimentato dai progressi verificatisi durante l'età dell'Illuminismo, l'ex presidente americano si trovò immerso nella scienza e nella teologia.

Come seguace di Gesù Cristo e dei suoi insegnamenti, Thomas Jefferson non era d'accordo con nessuna delle fonti che hanno contribuito alla realizzazione della Bibbia, inclusi gli scrittori del Vangelo Matteo, Marco, Luca e Giovanni, che riteneva ingannevoli. Detto questo, Jefferson si è preso la responsabilità di creare la sua versione dei vangeli. (Fonte: Smithsonian Magazine


Thomas Jefferson ha usato un rasoio e un paio di forbici per ritagliare piccoli rettangoli di testo nelle copie del Nuovo Testamento della Bibbia. In seguito, ha incollato la sua interpretazione della filosofia di Cristo usando i suoi ritagli. La sua versione del Nuovo Testamento si concentrava interamente su Gesù Cristo, escludendo i suoi miracoli. (Fonte: La nostra storia)

Ha avuto un'educazione classica al College of William & Mary, quindi ha potuto confrontare le diverse traduzioni. Ha ritagliato passaggi con una specie di lama molto affilata e, usando carta bianca, ha incollato le righe di ciascuno dei Vangeli in quattro colonne, greco e latino su un lato delle pagine, e francese e inglese sull'altro.

Harry Rubinstein

Il Nuovo Testamento di Jefferson escludeva eventi importanti nella Bibbia come la risurrezione, la sua ascensione al cielo, i suoi miracoli che convertivano l'acqua in vino, sfamando numerose persone con cinque pani d'orzo e due pesci, e molte opere mistiche simili. (Fonte: La nostra storia

Rilegato in pelle rossa, Jefferson intitolò la sua versione come La vita e la morale di Gesù di Nazareth, studiando a fondo oltre sei copie del Nuovo Testamento in diverse versioni come greca, francese, latina e inglese re Giacomo. Il volume di 84 pagine prodotto nel 1820 rifletteva la fede di Jefferson negli insegnamenti di Cristo, esclusi gli eventi miracolosi che non avevano alcuna ragione logica. (Fonte: Smithsonian Magazine

Il volume di Jefferson perduto

Thomas Jefferson consolidò per la prima volta la sua intenzione di produrre la sua interpretazione della Bibbia avvenuta nel 1804. Jefferson rivela le sue intenzioni in una lettera che scrisse a Benjamin Rush nel 1803. (Fonte: Smithsonian Magazine)

Sono il risultato di una vita di ricerca e riflessione, e molto diverso da quel sistema anticristiano, imputato a me da coloro che non sanno nulla delle mie opinioni. alle corruzioni del cristianesimo, infatti, sono contrario; ma non ai precetti genuini di Gesù stesso.

Thomas Jefferson

(Fonte: Archivi Nazionali)

Ha poi creato La Filosofia di Gesù di Nazaret, dove la corrispondenza indica che conteneva 46 pagine di brani del Nuovo Testamento. La Filosofia di Gesù di Nazareth centrato sugli insegnamenti morali di Cristo. (Fonte: Smithsonian Magazine

Il volume del 1804 rimane perduto, ma fortunatamente lo Smithsonian Institute ha acquisito il volume del 1820, La vita e la morale di Gesù di Nazareth, quando la pronipote di Jefferson ha venduto loro il libro. (Fonte: La nostra storia

Lascia un tuo commento