Casa » Sport » Perché Boris Mikhailov ha rifiutato l'offerta di lasciare la squadra russa?

Perché Boris Mikhailov ha rifiutato l'offerta di lasciare la squadra russa?

Cambiare squadra e scambiare giocatori sono pratiche comuni tra i giocatori sportivi professionisti. Con l'offerta giusta e vantaggi migliori, non sorprende che molti giocatori si muovano tra le squadre. Molte squadre sportive cercano giocatori con un potenziale maggiore e li invogliano a unirsi al loro. Ma lo sapevi che un giocatore di hockey russo ha rifiutato un'offerta da 1 milione di dollari?

Boris Mikhailov era il capitano della squadra di hockey dell'URSS. Nel 1980, ha rifiutato un'offerta di $ 1 milione per cambiare squadra dopo il "Miracolo sul ghiaccio" perché un agente del KGB era in piedi dietro di lui quando è stata fatta l'offerta.

Chi è Boris Mikhailov?

Boris Petrovich Mikhailov è nato a Mosca, in Russia, il 6 ottobre 1944. Era il secondo figlio di una famiglia operaia. Suo padre era Mikhailov Pyotr Timofeevich, un idraulico, mentre sua madre, Malkova Maria Lukyanovna, lavorava in una famosa fabbrica di Java.

Come ogni altro adolescente dell'ex Unione Sovietica, Mikhailov era molto affascinato dall'hockey. Tuttavia, il suo fascino non era condiviso da nessuno nella sua famiglia. La futura leggenda dell'hockey ha ottenuto l'ammissione in una delle sezioni di hockey di uno stadio distrettuale chiamato Riserve del lavoro.

Mikhailov ha giocato per il Avangard squadra a Saratov quando aveva appena diciotto anni. Anche se la squadra era una delle squadre più deboli della sua classe, le straordinarie abilità di Mikhailov sul ghiaccio hanno catturato l'attenzione del Locomotiva di Mosca capo, Anatoly Kostryukov. Mikhailov è stato quindi reclutato nella squadra della Lokomotiv di Mosca dopo aver giocato tre anni per l'Avangard.

Dopo due anni di gioco per le squadre di hockey più forti dell'Unione, la leggenda russa è stata arruolata nell'esercito. Mikhailov ha trovato la sua strada nel leggendario club sportivo dell'esercito con il suo fascino per lo sport. Quando ha compiuto 23 anni, faceva già parte dell'HC CSKA, noto anche come La squadra dell'Armata Rossa.

L'aspetto di Mikhailov non si è distinto tra i giocatori del CSKA, ma le sue capacità hanno attirato così tanta attenzione. Ha usato tattiche offensive sicure e uno stile di colpi specifico che gli è venuto naturale. Mikhailov è diventato uno dei giocatori di hockey più coraggiosi, capace di affrontare rivali formidabili e di ignorare infortuni e dolore.

La leggenda russa ha giocato 572 partite e segnato 428 gol, entrambi i quali non sono stati superati da allora. Ha ottenuto numerosi premi sportivi nel corso della sua carriera.

  • 11 volte campione dell'URSS
  • 8 volte campione del mondo
  • Campione olimpico nel 1972 e nel 1976
  • Miglior attaccante della Coppa del Mondo 1974
  • Seconda medaglia alle Olimpiadi di Lake Placid del 1980

Anche il suo talento naturale nell'hockey è stato premiato dalla nazione.

  • Medaglia al valore del lavoro
  • Ordine del Distintivo d'Onore
  • Ordine della Bandiera Rossa d'Onore
  • Ordine di Lenin

Mikhailov si è ritirato da giocatore ed è passato all'allenatore. Come capo allenatore, ha allenato SKA, CSKA, la sua ex squadra e Metallurg a Novokuznetsk. Con il suo allenatore, la squadra russa ha vinto la sua prima medaglia d'oro ai Mondiali del 1993. (Fonte: Agromassidayu)

Declino dell'offerta da 1 milione di dollari

La partita di hockey del 1980 tra l'ex Unione Sovietica e gli Stati Uniti è stata soprannominata Miracolo sul ghiaccio. nelle partite precedenti, Mikhailov ha portato la sua squadra a vittorie consecutive contro gli americani. Ciò che è stato sorprendente è che la squadra di hockey degli Stati Uniti ha fatto una forte rimonta, sconfiggendo alla fine la squadra sovietica.

Dopo la partita, il proprietario di un club di hockey di Toronto gli si è avvicinato. Aveva in mano un contratto e un assegno da 1 milione di dollari. Il proprietario voleva immediatamente che Mikhailov facesse parte del suo club. Nonostante l'offerta generosa e la possibilità di una migliore carriera con i canadesi, il giocatore russo ha rispettosamente rifiutato l'offerta, affermando Grazie, ma siamo milionari sovietici. (Fonte: Storia)


Mikhailov ha rivelato in interviste successive di aver rifiutato l'offerta perché non voleva essere lontano dalla sua famiglia. Ciò che lo ha anche spinto a rispondere immediatamente è stato che un agente del KGB era in piedi proprio dietro di lui. (Fonte: NBC Sports)

Lascia un tuo commento