Casa » Arte e intrattenimento » Industria dell'intrattenimento » Industria cinematografica e televisiva » In che modo le "Ragazze d'oro" ci hanno insegnato l'AIDS?

In che modo le "Ragazze d'oro" ci hanno insegnato l'AIDS?

La sitcom Golden Girls è stata creata da Susan Harris e originariamente trasmessa su NBC. Lo spettacolo è andato in onda per sette stagioni in un arco di sette anni. Mentre lo spettacolo si concentrava sulla vita di quattro donne anziane che vivono a Miami, affrontavano anche problemi della vita reale. Sapevate dell'episodio sull'AIDS?

Il personaggio di Betty White, Rose Nylund, ha avuto a che fare con l'HIV. L'episodio intitolato "72 ore" ci racconta una storia su come Rose ha appreso che il sangue che ha ricevuto attraverso la trasfusione potrebbe averla esposta all'HIV. Questo spiegava come l'HIV potesse potenzialmente colpire chiunque.

Lo spettacolo delle ragazze d'oro

La creazione di Susan Harris ha ricevuto il plauso della critica nel corso degli anni in cui è stata pubblicata. Lo spettacolo ha vinto diversi premi, tra cui il più ambito Primetime Emmy Award per la miglior serie comicaS. Ne hanno vinte anche tre Golden Globe Awards per la migliore serie televisiva – Musical o Commedia. Ognuna delle quattro star ha anche ricevuto un Emmy, rendendola una delle uniche quattro sitcom nella storia del premio. (Salsa: TV Guide)

La realizzazione di una serie comica incentrata su donne anziane è nata durante le riprese di uno speciale televisivo alla NBC nell'agosto 1984. Selma Diamond e Doris Roberts sono apparse in una breve parodia per promuovere il prossimo spettacolo di Miami Vice. La parodia era intitolata Miami Nice e vedeva gli anziani che vivevano a Miami. Warren Littlefield, Senior Vice President della NBC, è stato anche uno dei produttori esecutivi dello show. Stava guardando tra il pubblico ed era piuttosto divertito dalla loro esibizione.

Littlefield ha poi incontrato Paul Junger Witt e Tony Thomas per scrivere una sceneggiatura pilota per Miami Nizza. Il loro scrittore abituale ha rifiutato l'offerta, quindi Witt ha chiesto a sua moglie, Susan Harris, di scrivere il pilota. Harris ha trovato il concetto davvero interessante in quanto si trattava di una fascia demografica che non era mai stata affrontata. (Fonte: Entertainment Weekly)

L'episodio "72 ore"

Nell'episodio Ore 72 Rose Nylund, interpretata da Betty White, riceve una lettera che la avverte che potrebbe aver contratto l'HIV da una trasfusione di sangue durante l'intervento alla cistifellea. Le è stato consigliato di sottoporsi al test e, mentre aspettava i risultati, la preoccupazione e il panico hanno iniziato a consumarla.

Il personaggio di White copre una serie di idee sbagliate sull'HIV. A quel tempo, le persone che erano persino associate alla malattia venivano evitate dai loro coetanei. Le persone della sua età nella società della classe media e che hanno confermato di essere eterosessuali non dovrebbero contrarre tale malattia. Il suo personaggio dice; Dannazione, perché sta succedendo a me? Voglio dire, questo non dovrebbe succedere a persone come me. Blanche Devereaux, interpretata da Rue McClanahan, risponde a questo in modo così premuroso.

L'AIDS non è la malattia di una persona cattiva, Rose. Non è Dio che punisce le persone per i loro peccati.

Blanche Devereaux, Le ragazze d'oro

L'episodio è andato in onda nel 1990, e allora i test per l'AIDS erano ancora nuovi. Sono passati cinque anni prima che uscisse il kit per l'analisi del sangue approvato dalla FDA. Dal 1981, ci sono stati oltre 100,000 decessi legati all'AIDS e quasi un terzo di quel numero nel 1990. Nonostante gli sforzi per educare il pubblico, la gente credeva nella disinformazione.

L'episodio mostra anche come le persone siano rapide nel giudicare e discriminare coloro che potrebbero aver contratto la malattia. Sophia Petrillo, interpretata da Estelle Getty, si è separata dal personaggio di White utilizzando un bagno separato e contrassegnando tutti i suoi drink con una "R".

So che intellettualmente non c'è modo di prenderlo, ma ora che è così vicino a casa, è spaventoso.

Sophia Petrillo, Le ragazze d'oro

Questo non è stato l'unico argomento tabù che è stato sollevato nello spettacolo. Cuori senza età erano così bravi a sollevare questioni che mettevano a disagio le persone: razzismo, omosessualità, sessualità femminile anziana, molestie sessuali, senzatetto, addizione, parità matrimoniale e altro ancora. (Fonte: National Public Radio, Radio Pubblica)

Lascia un tuo commento

%d blogger come questo: