Casa » Auto e veicoli » Quando è stato l'ultimo volo di Orville Wright?

Quando è stato l'ultimo volo di Orville Wright?

I fratelli Wright sono considerati le personalità più influenti nella storia dell'aviazione. Le loro menti creative e tecnologiche hanno aperto la strada a rivoluzionare i trasporti ovunque. I fratelli hanno dedicato la loro vita adulta a lavorare per realizzare il loro sogno di costruire una macchina volante. Hanno lottato duramente per raggiungere il loro obiettivo. Ma vi siete mai chiesti se i fratelli avessero sperimentato il frutto del loro ingegno? 

Quarant'anni dopo il primo volo di successo dell'aereo dei fratelli Wright, Orville Wright fu invitato a volare sulla Lockheed Constellation. Wright afferma che l'apertura alare dell'aereo era più lunga della distanza del suo primo volo.

Cosa ha ispirato i fratelli Wright a costruire il primo aereo? 

Dopo la morte della madre alla fine del 1800, i fratelli Wright erano nel settore della stampa di giornali. Orville, il giovane Wright, imparò il mestiere di tipografia e convinse suo fratello maggiore Wilbur a unirsi a lui. I fratelli aprirono una tipografia che curava e pubblicava anche due giornali locali.

La tipografia è stata un completo successo. Ha messo in evidenza le straordinarie capacità tecniche dei fratelli e le soluzioni creative per problemi meccanici. Dopo alcuni anni, i fratelli aprirono un negozio di biciclette, che portò all'invenzione di un mozzo ruota autolubrificante.

Il fascino dei fratelli per il volo è iniziato quando il padre, Milton Wright, ha portato a casa un giocattolo chiamato le pipistrello volante. Il loro interesse per l'aviazione si riaccese quando iniziarono a leggere il lavoro di un inventore tedesco di nome Otto Lilienthal, che creò un aliante. Alla morte di Lilienthal nel 1896, i fratelli iniziarono il loro progetto di inventare il primo velivolo. 

I fratelli raccolsero quante più informazioni possibili sull'aviazione. Visitarono le biblioteche e scrissero persino allo Smithsonian Institute per richiedere più materiale di lettura. I Wright contattarono anche Octave Chanute, uno dei principali ingegneri civili, ed erano considerati un'autorità nell'aviazione.

Le straordinarie capacità dei fratelli di analizzare problemi meccanici e sviluppare soluzioni creative sono emerse quando hanno iniziato a costruire il prototipo del loro aeroplano. Hanno concluso che con lo sviluppo di Lilienthal di ali in grado di sostenere il suo peso in volo e combinandolo con lo sviluppo di motori a combustione interna più leggeri dell'epoca, la loro unica sfida sarebbe stata come controllare la macchina volante.

I due hanno quindi sviluppato il loro piccolo prototipo di aquilone biplano. Hanno scoperto che potevano controllare la direzione dell'aquilone. Hanno iniziato a costruire il loro primo aliante, utilizzando i dati di Lilienthal per calcolare la quantità di superficie alare necessaria per sollevare il peso stimato in una data velocità del vento. E il resto era storia. (Fonte: Britannica)

L'ultimo volo di Orville Wright

Orville Wright assunse la responsabilità della loro famosa compagnia aeronautica nel 1912. Wilbur morì il 30 maggio 1912, a causa della febbre tifoide unita allo stress causato dagli aspetti commerciali e legali dell'azienda. Orville rimase il leader dell'azienda fino a quando decise di venderla nel 1915. (Fonte: Britannica)

Il Wright sopravvissuto era ancora attivo nell'industria aeronautica, diventando un membro senior di diversi gruppi aeronautici. In qualità di membro stimato della società grazie alla loro innovazione nell'aviazione, è stato invitato da Howard Hughes e dal presidente della Trans World Airlines Jack Frye a volare con loro a bordo del prototipo di aereo di linea Lockheed Constellation. Il 17 aprile 1944, il prototipo volò da Burbank, in California, a Washington, DC. Il viaggio è durato 6 ore e 58 minuti. Ha battuto il record di velocità transcontinentale.

Durante il volo di ritorno il 26 aprile 1944, l'aereo si fermò a Wright Field a Dayton per prelevare Orville. A bordo, lo hanno persino lasciato sedere ai comandi. Ha detto che gli aeroplani alla fine sarebbero volati da soli se glielo avessi permesso. Ha anche notato che l'apertura alare di 123 piedi del prototipo era più lunga del suo primo volo, volando solo 120 piedi. (Fonte: Locale di Dayton)

Lascia un tuo commento