Casa » Riferimento » Lettere » Profilo Aziendale » Quale passaggio è stato cancellato dalla Dichiarazione di Indipendenza?

Quale passaggio è stato cancellato dalla Dichiarazione di Indipendenza?

Chi avrebbe mai pensato che la rimozione di un solo passaggio dalla Dichiarazione di Indipendenza avrebbe potuto cambiare l'evoluzione degli eventi storici? Scopriamo di più.

Nella bozza di Thomas Jefferson, la Dichiarazione di Indipendenza conteneva un intero passaggio che condannava la schiavitù. Ha citato la schiavitù come uno dei tanti mali imposti alle nazioni colonizzate dalla corona britannica.

Cosa c'era nel passaggio cancellato?

Nella bozza iniziale della Dichiarazione di Indipendenza, Thomas Jefferson incolpò il re britannico della Gran Bretagna per la sua influenza nella creazione e promozione della tratta transatlantica degli schiavi. Ha descritto il commercio come un crimine contro l'umanità. Il brano conteneva le seguenti parole:

Ha condotto una guerra crudele contro la stessa natura umana, violando i suoi più sacri diritti alla vita e alla libertà nelle persone di un popolo lontano che non l'ha mai offeso, catturandole e portandole in schiavitù in un altro emisfero o per incorrere in miserabile morte nel loro trasporto là. Questa guerra piratesca, l'obbrobrio dei poteri infedeli, è la guerra del re cristiano di Gran Bretagna.

Determinato a mantenere aperto un mercato in cui gli Uomini dovrebbero essere comprati e venduti, ha prostituito il suo negativo per sopprimere ogni tentativo legislativo di proibire o frenare questo esecrabile commercio. E affinché questo raduno di orrori non vogliano morire nessun fatto distinto, ora sta eccitando quelle stesse persone ad alzarsi in armi in mezzo a noi e ad acquistare quella libertà di cui li ha privati, uccidendo le persone a cui li ha imposti. : ripagando così i delitti precedenti commessi nuovamente alle Libertà di un popolo, con delitti che li esorta a commettere contro la vita di un altro.

(Fonte: Passato nero)

Perché il passaggio contro la schiavitù è stato rimosso dalla Dichiarazione di indipendenza del 1775?

Le ragioni esatte della rimozione del passaggio non sono mai state rivelate. Gli storici non hanno idea di ciò che è emerso nei numerosi dibattiti che ha fatto il Secondo Congresso Continentale.

Thomas Jefferson compose la Dichiarazione di Indipendenza tra l'11 e il 28 giugno del 1776. Inviò una bozza della Dichiarazione a un comitato preselezionato che includeva Benjamin Franklin e John Adams. Il comitato era incaricato di modificare il documento prima che fosse presentato al Congresso.

I delegati del Congresso hanno discusso sui contenuti del documento tra il 1 luglio e il 3 luglio. Durante questo periodo, la clausola anti-schiavitù di Jefferson è stata rimossa.

Si presumeva che la rimozione della clausola fosse più politica che altro. Altre colonie sotto la corona britannica erano già divise sulla questione della schiavitù. Le piantagioni nel sud erano un fattore cruciale nell'economia. I proprietari di queste piantagioni avevano bisogno di manodopera gratuita per raccogliere cotone, tabacco e altri raccolti da esportare in Europa. (Fonte: Profilo Aziendale)

Che cosa aveva da dire Thomas Jefferson?

Qualche decennio dopo, Jefferson parlò della rimozione della clausola. Nella sua autobiografia, ha attribuito la colpa a due stati del sud.

La clausola, che condannava l'asservimento degli abitanti dell'Africa, fu cancellata in ottemperanza alla Carolina del Sud e alla Georgia, che non avevano mai tentato di frenare l'importazione di schiavi, e che anzi volevano continuarla. Credo che anche i nostri fratelli del Nord si sentissero un po' teneri sotto queste censure; poiché sebbene la loro gente abbia pochissimi schiavi, tuttavia ne erano stati portatori piuttosto considerevoli per gli altri.

Thomas Jefferson

(Fonte: Profilo Aziendale)

Lascia un tuo commento