Casa » Arte e intrattenimento » Musica e audio » Perché David Ruffin ha continuato a sgattaiolare sul palco dopo essere stato licenziato?

Perché David Ruffin ha continuato a sgattaiolare sul palco dopo essere stato licenziato?

Una delle personalità più influenti dell'era della Motown, David Ruffin, ha dovuto intrufolarsi nelle esibizioni dei The Temptations. Perché doveva, nonostante fosse il frontman della band? Conosciamo un po' di più Ruffin e capiamo cosa è successo.

David Ruffin ha sorpreso la band e il pubblico cantando un'intera canzone dopo che i Temptations lo hanno licenziato. La band ha assunto più sicurezza, ma Ruffin ha continuato a intrufolarsi sul palco per cantare.

Chi era David Ruffin?

Davis Eli Ruffin è nato il 18 gennaio 1941 a Whynot, Mississippi. Sua madre è morta durante il parto. È stato allevato dal ministro della chiesa battista della loro comunità. Ha lasciato casa all'età di 13 anni per diventare un ministro, ma si è presto trovato a esibirsi nei talent show di Memphis. Da adolescente, ha iniziato a creare canzoni ed è passato da spettacoli di talento a una carriera di cantante a tutti gli effetti con i Dixie Nightingales, un gruppo gospel locale.

Ruffin andò in tournée con numerosi gruppi gospel in successione, inclusi i Womack Brothers, gli Staple Singers e i Dixie Hummingbirds. Sul palco, è diventato un vero showman e il suo numero ha catturato l'attenzione sia del pubblico gospel che dei professionisti della musica profana.

Ha firmato con la Chess Records di Chicago a 17 anni prima di trasferirsi a Detroit, dove ha incontrato Berry Gordy, il creatore della Motown Records. La grande occasione di Ruffin arrivò nel 1963 quando fu scelto per sostituire Eldridge Bryant come cantante tenore dei Temptations.

Ruffin ha poi assunto la voce nel 1965, eseguendo i classici come Mia ragazza, Vorrei che piovessee Non è troppo orgoglioso per implorare. La band ha suonato all'American Bandstand e all'Ed Sullivan Show diventando star della musica internazionale.

Ha iniziato a ricevere la quota più significativa dell'attenzione dei media come nuovo frontman del gruppo, ma anche il suo stile di vita irregolare, che era comunemente legato alla dipendenza da cocaina, ha attirato l'attenzione. È stato ritenuto fuori controllo quando ha chiesto privilegi specifici non forniti agli altri membri del gruppo.

Voleva che il nome del gruppo cambiasse in David Ruffin and the Temptations, portando la band a licenziarlo nel giugno 1968. Nel 1969, Ruffin lanciò una carriera da solista, con modesto successo con Tutto il mio mondo è finito. Ma la sua popolarità fu breve, tanto che Ruffin lasciò l'industria musicale per tre anni fino a riemergere nel 1975 con un singolo da top ten, Allontanati dall'amore, e qualche piccolo colpo.

Ruffin si unì al tour di reunion dei Temptations del 1983. Ruffin, insieme ad altri cinque Temptations, fu inserito nella Rock & Roll Hall of Fame nel 1989. Solo due anni dopo, all'età di 50 anni, Ruffin crollò in una crack house di Philadelphia. È stato lasciato davanti a un ospedale ore dopo, dove è morto per overdose di eroina. (Fonte: Biografia)

David Ruffin furtivamente sul palco

Ruffin si è imbattuto nel concerto dei Temptations del 7 luglio ed è saltato sul palco, strappando il microfono a Edwards, cantando come solista in Ain't Too Proud to Beg, e poi svanendo velocemente come era apparso. Ruffin ha eseguito questo numero numerose volte durante il tour di luglio della band. (Fonte: Parla basso)

Anche se la band ha assunto una sicurezza extra per tenere fuori Ruffin, ha trovato il modo di intrufolarsi nel locale e salire sul palco mentre la band eseguiva una delle canzoni che aveva cantato in precedenza.

Ruffin lo aveva fatto così bene, così velocemente e senza intoppi, che sembrava mostrare che era ancora una Tentazione, che si era preso un anno sabbatico fino a quando non era pronto a riprendere il suo ruolo leggendario.

Ruffin stava solo cercando di rientrare nella band, e la reazione della folla era il suo modo per dimostrare il suo punto. Era così Ruffin, così fuori posto. In un certo senso, è stato divertente.

Ruffin furtivamente sul palco è diventato una trama in corso, con i fan che allungavano il collo durante gli spettacoli per vedere se riuscivano a individuare Ruffin in agguato o strisciare tra i corridoi. (Fonte: Ok giocatore)

Lascia un tuo commento

%d blogger come questo: