Al momento della sua laurea nel 1969, Robin Williams è stato votato "Più probabile che non avrà successo" e "Il più divertente" dai suoi compagni di classe.

Per altri usi, vedere Robin Williams (disambigua).

Robin McLaurin Williams (21 luglio 1951-11 agosto 2014) è stato un attore e comico americano.

Nato a Chicago, Williams ha iniziato a recitare in cabaret a San Francisco e Los Angeles a metà degli anni '1970, ed è considerato il protagonista della rinascita della commedia di San Francisco. [1] Dopo essere diventato famoso interpretando l'alieno Mork nella sitcom Mork & Mindy, Williams ha intrapreso una carriera sia come cabarettista che come attore.

Dopo il suo primo ruolo da protagonista in un film in Popeye (1980), Williams ha recitato in numerosi film che hanno ottenuto un successo di critica e finanziario, tra cui Il mondo secondo Garp (1982), Mosca sull'Hudson (1984), Good Morning, Vietnam (1987), Dead Poets Society (1989), Awakenings (1990), Aladdin (1992), The Fisher King (1991), One Hour Photo (2002) e World's Greatest Dad (2009), oltre a successi al botteghino, come Hook ( 1991), Mrs. Doubtfire (1993), Jumanji (1995), The Birdcage (1996), Good Will Hunting (1997) e la trilogia di Una notte al museo (2006-2014).

Williams è stato nominato quattro volte agli Academy Awards, vincendo una volta come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione dello psicologo Sean Maguire in Good Will Hunting.

Secondo Reeve, Skinner fu sconcertato da Williams, che riuscì immediatamente a esibirsi con molti accenti, tra cui scozzese, irlandese, inglese, russo e italiano.

In una produzione successiva, Williams ha messo a tacere i suoi critici con la sua ben accolta interpretazione da vecchio in The Night of the Iguana di Tennessee Williams.

Williams si esibisce in una commedia in piedi a uno spettacolo dell'USO il 20 dicembre 2007

Dopo che la sua famiglia si è trasferita a Marin County, Williams ha iniziato a recitare nella zona della baia di San Francisco a metà degli anni '1970.

Ha tenuto la sua prima esibizione all'Holy City Zoo, un comedy club di San Francisco, dove si è fatto strada dal bar. [41] Negli anni '1960, San Francisco era un centro per una rinascita della musica rock, hippy, droghe e una rivoluzione sessuale, e negli anni '1970, Williams ha contribuito a guidare la sua "rinascita della commedia", scrive il critico Gerald Nachman. [1]: 6 Williams dice ha scoperto "droga e felicità" durante quel periodo, aggiungendo che ha visto "i migliori cervelli del mio tempo trasformarsi in fango". [31]

Williams si è trasferito a Los Angeles e ha continuato a esibirsi in discoteche tra cui il Comedy Club.

Lì, nel 1977, fu visto dal produttore televisivo George Schlatter, che gli chiese di apparire in un revival del suo spettacolo Laugh-In. Lo spettacolo andò in onda alla fine del 1977 e fu la sua prima apparizione televisiva. [31] Quell'anno, Williams si esibì anche in uno spettacolo al LA Improv for Home Box Office. [42] Anche se il revival di Laugh-In fallì, portò Williams a una carriera televisiva; ha continuato a esibirsi in cabaret in club comici come il Roxy per aiutare a mantenere affilate le sue capacità di improvvisazione. [31] [43]

Williams ha vinto un Grammy Award per la registrazione del suo spettacolo dal vivo del 1979 al Copacabana di New York, Reality ...

Alcuni dei suoi tour successivi, dopo essere diventato una star televisiva e cinematografica, includono An Evening With Robin Williams, Robin Williams: At The Met e Robin Williams: Live on Broadway.

Williams ha detto che in parte a causa dello stress derivante dallo stare in piedi, ha iniziato a usare droghe e alcol all'inizio della sua carriera.

Williams una volta ha descritto la vita dei cabarettisti:

Williams si sentiva sicuro che non sarebbe rimasto senza idee, poiché il costante cambiamento negli eventi mondiali lo avrebbe mantenuto rifornito. [46] Ha anche spiegato che ha spesso usato la libera associazione di idee mentre improvvisava per mantenere il pubblico interessato. [48] L'atmosfera competitiva ha causato problemi; per esempio, alcuni comici lo hanno accusato di copiare le loro battute, cosa che Williams ha fortemente negato. [46] [49] [50] David Brenner afferma di aver affrontato personalmente Williams e di averlo minacciato di lesioni personali se avesse sentito Williams pronunciare un'altra delle sue battute. [51] [52] Whoopi Goldberg lo ha difeso, spiegando che è difficile per i comici non riutilizzare il materiale di un altro comico, e che è fatto "tutto il tempo". [53] In seguito ha evitato di andare alle esibizioni di altri comici per scoraggiare accuse simili. [53]

Dopo il risveglio di Laugh-In e l'apparizione nel cast di The Richard Pryor Show sulla NBC, Williams è stato scelto da Garry Marshall nei panni dell'alieno Mork in un episodio del 1978 della serie TV Happy Days, "My Favorite Orkan". [31] [ 54] Ricercato come sostituto del cast dell'ultimo minuto per un attore in partenza, Williams ha impressionato il produttore con il suo bizzarro senso dell'umorismo quando si è seduto sulla sua testa quando gli è stato chiesto di prendere posto per l'audizione. Nei panni di Mork, Williams ha improvvisato gran parte dei suoi dialoghi e della commedia fisica, parlando con una voce acuta e nasale.

Mork divenne popolare, apparso su poster, libri da colorare, scatole per il pranzo e altri prodotti. [58] Mork & Mindy fu un tale successo nella sua prima stagione che Williams apparve sul 12 marzo 1979, copertina della rivista Time. [59] [60] Si dice che la foto di copertina, scattata da Michael Dressler nel 1979, abbia "[catturato] i suoi diversi lati: il buffone che rapina per la macchina fotografica e una posa dolce e più premurosa che appare su una piccola TV che tiene tra le mani" secondo a Mary Forgione del Los Angeles Times. [61] Questa foto è stata installata nella National Portrait Gallery dello Smithsonian Institution poco dopo la sua morte per consentire ai visitatori di rendere omaggio. [61] Williams apparve anche sulla copertina del numero di Rolling Stone del 23 agosto 1979, fotografata da Richard Avedon. [62] [63]

A partire dalla fine degli anni '1970 e per tutti gli anni '1980, Williams ha iniziato a raggiungere un pubblico più ampio con la sua commedia stand-up, tra cui tre comici speciali della HBO, Off The Wall (1978), An Evening with Robin Williams (1983) e Robin Williams: Live al Met (1986).

Sempre nel 1986, Williams ha co-ospitato la 58a edizione degli Academy Awards. [64]

Williams è stato anche ospite fisso di vari talk show, tra cui The Tonight Show Starring Johnny Carson [65] e Late Night with David Letterman, in cui è apparso 50 volte.

Letterman, che conosceva Williams da quasi 40 anni, ricorda di averlo visto recitare per la prima volta come nuovo comico al The Comedy Store di Hollywood, dove Letterman e altri comici avevano già recitato in stand-up.

Il suo lavoro di stand-up è stato un filo conduttore costante della sua carriera, come si è visto dal successo del suo spettacolo personale (e successivo DVD) Robin Williams: Live on Broadway (2002).

Vedi anche: filmografia di Robin Williams

Il primo ruolo cinematografico attribuito a Robin Williams è una piccola parte nella commedia a basso budget del 1977 Can I Do It ...

Lì, Williams ha messo in mostra le capacità di recitazione precedentemente dimostrate nel suo lavoro televisivo; e la delusione commerciale del film non è stata attribuita al suo ruolo. [73] [74] Recita come il personaggio principale in Il mondo secondo Garp (1982), che Williams considerava "potrebbe mancare di una certa follia sullo schermo, ma aveva un grande nucleo". [41] Ha continuato con altri ruoli minori in film meno riusciti, come The Survivors (1983) e Club Paradise (1986), anche se ha detto che questi ruoli non hanno aiutato a far avanzare la sua carriera cinematografica. [41]

La sua prima svolta importante è arrivata dal suo ruolo da protagonista in Good Morning, Vietnam (1987) del regista Barry Levinson, che è valso a Williams una nomination per l'Academy Award come miglior attore. [54] Il film è ambientato nel 1965 durante la guerra del Vietnam, con Williams che interpreta il ruolo di Adrian Cronauer, un atleta radiofonico che intrattiene le truppe con commedia e sarcasmo.

Al microfono, ha creato impressioni vocali di persone, tra cui Walter Cronkite, Gomer Pyle, Elvis Presley, Mr. Ed e Richard Nixon. [41] "Abbiamo semplicemente lasciato girare le telecamere", ha detto il produttore Mark Johnson, e Williams "è riuscito a creare qualcosa di nuovo per ogni singola ripresa." [75]

Molti dei suoi ultimi ruoli erano in commedie venate di pathos. [76] I suoi ruoli in film comici e drammatici hanno valso a Williams un Academy Award come miglior attore non protagonista (per il suo ruolo di psicologo in Good Will Hunting (1997)), [54] così come due precedenti nomination all'Oscar (per aver interpretato un insegnante di inglese in Dead Poets Society (1989) e per aver interpretato un senzatetto in difficoltà in The Fisher King (1991). [54] Nel 1991, ha interpretato un Peter Pan adulto nel film Hook, anche se aveva detto che avrebbe dovuto perdere venticinque libbre. [77]

Altri ruoli che Williams ha avuto in acclamati film drammatici includono Moscow on the Hudson (1984), Awakenings (1990), What Dreams May Come (1998) e Bicentennial Man (1999). [78] In Insomnia, Williams ha interpretato uno scrittore / assassino in fuga da un poliziotto di Los Angeles privato del sonno (interpretato da Al Pacino) nelle zone rurali dell'Alaska. [79] Sempre nel 2002, nel thriller psicologico One Hour Photo, Williams ha interpretato un tecnico di sviluppo fotografico emotivamente disturbato che diventa ossessionato da una famiglia per la quale ha sviluppato immagini per molto tempo. [80] L'ultimo film di Williams uscito durante la sua vita è stato The Angriest Man in Brooklyn, un film che parla del valore della vita.

Mike Medavoy, produttore di Hook, ha detto al suo regista, Steven Spielberg, che ha intenzionalmente collaborato con Hoffman e Williams per il film perché sapeva che volevano lavorare insieme, e che Williams ha accolto con favore l'opportunità di lavorare con Spielberg. [82] Williams ha tratto vantaggio dal lavorare con Woody Allen, che ha diretto lui e Billy Crystal in Deconstructing Harry (1997), poiché Allen sapeva che Crystal e Williams si erano spesso esibiti insieme sul palco. [83]

La sua interpretazione nel ruolo di un terapista in Good Will Hunting (1997) ha influenzato profondamente alcuni veri terapisti e ha vinto a Williams un Academy Award. [84] In Awakenings (1990), Williams ha interpretato un medico sul modello di Oliver Sacks, che ha scritto il libro su cui si basa il film.

Sacks in seguito disse che il modo in cui funzionava la mente dell'attore era una "forma di genio". Nel 1989 Williams ha interpretato un insegnante di scuola privata nella Dead Poets Society, che includeva una scena finale, emotiva che alcuni critici hanno detto "ha ispirato una generazione" ed è diventata parte della cultura pop. [85] Esaminando la maggior parte della sua filmografia, uno scrittore è stato "colpito dall'ampiezza" e dalla radicale diversità della maggior parte dei ruoli interpretati da Williams. [86]

Williams ha doppiato personaggi in diversi film d'animazione.

Buckley, Peter Lorre, Arnold Schwarzenegger e Arsenio Hall. [89] Il suo ruolo in Aladdin è diventato uno dei più riconosciuti e amati, e il film ha ottenuto il maggior incasso del 1992; ha vinto numerosi premi, tra cui un Golden Globe per Williams.

Williams ha continuato a fornire voci in altri film d'animazione, tra cui FernGully: The Last Rainforest (1992), Robots (2005), Happy Feet (2006) e una performance vocale non accreditata in Everyone's Hero (2006).

Williams durante l'USO World Gala 2008 a Washington, DC il 1 ° ottobre 2008

Williams con Marsha Garces ai 61 ° Academy Awards nel 1989

Williams era un appassionato sia dei giochi di ruolo carta e penna che dei videogiochi. [116] [117] [118] Sua figlia Zelda prende il nome dal personaggio del titolo di The Legend of Zelda, una serie di videogiochi preferita dalla famiglia, e talvolta si esibiva a fiere di intrattenimento per i consumatori. [119] [120] [121]

Il rapporto osservava anche che Williams aveva sofferto di "un recente aumento della paranoia". [155] Un esame del suo tessuto cerebrale suggerì che Williams soffrisse di "demenza diffusa da corpi di Lewy". [149] Descrivendo la malattia come "il terrorista nel cervello di mio marito", sua moglie Susan Schneider ha detto, "comunque la si guardi - la presenza di corpi di Lewy gli ha tolto la vita", riferendosi alla sua precedente diagnosi di Parkinson. [9]

In onore del suo lavoro teatrale, le luci di Broadway sono state oscurate per la sera del 14 agosto 2014. [162] Quella notte, il cast del musical di Aladdin ha onorato Williams facendo in modo che il pubblico si unisse a loro in un canto di "Friend Like Me", una canzone nominata all'Oscar originariamente cantata da Williams nel film del 1992 Aladdin. [163] I fan di Williams hanno creato memoriali improvvisati alla sua stella sulla Hollywood Walk of Fame [164] e in luoghi della sua carriera televisiva e cinematografica, come la panchina nel giardino pubblico di Boston in Good Will Hunting; [165] Pacific Heights, San Francisco, casa usata in Mrs. Doubtfire; [166] l'insegna per Parrish Shoes a Keene, New Hampshire, dove furono girate parti di Jumanji; [167] e Boulder, Colorado, casa usata per Mork & Mindy. [168] Il lavoro sulla biografia di un libro è stato iniziato dallo scrittore del New York Times David Itzkoff nel 2014 [169] ed è stato pubblicato nel 2018, intitolato semplicemente Robin. [170] Inoltre, il 101 febbraio 29 un tunnel sull'autostrada 2016 a nord del Golden Gate Bridge è stato ufficialmente chiamato "Robin Williams Tunnel". [171]

In televisione, durante la 66a edizione dei Primetime Emmy Awards il 25 agosto 2014, Billy Crystal ha presentato un tributo a Williams, definendolo "la stella più brillante della nostra galassia comica". [172] [173] Il 9 settembre 2014, la PBS ha trasmesso uno speciale di un'ora dedicato alla sua carriera, [174] e il 27 settembre 2014, dozzine di star e celebrità hanno tenuto un tributo a San Francisco per celebrare la sua vita e carriera. [175]

Diretto da Marina Zenovich, il film Robin Williams: Come Inside My Mind, è stato anche proiettato al Sundance Film Festival. [180] Nello stesso anno, un murale di Robin Williams è stato creato in Market Street, a San Francisco. [181]

Williams ha accreditato comici tra cui Jonathan Winters, Peter Sellers, Nichols e May e Lenny Bruce come influenze, ammirando la loro capacità di attrarre un pubblico più intellettuale con un livello più alto di arguzia. [1]: 43 Gli piaceva anche Jay Leno per la sua rapidità nel commedie improvvisate e Sid Caesar, i cui atti riteneva fossero "preziosi". [46]

Durante un'intervista a Londra nel 2002, Williams ha detto a Michael Parkinson che Peter Sellers ha avuto un'influenza importante, in particolare i suoi ruoli multi-personaggio in Dr. Stranamore, affermando: "Non c'è niente di meglio di così". Anche gli attori comici britannici Dudley Moore e Peter Cook erano tra le sue influenze, ha detto a Parkinson. [183]

Williams è stato anche influenzato dall'intrepida capacità di Richard Pryor di parlare della sua vita personale sul palco, con argomenti compreso il suo uso di droghe e alcol, e Williams ha aggiunto questo tipo di argomenti durante le sue esibizioni.

Sebbene Williams sia stato riconosciuto per la prima volta come cabarettista e star televisiva, in seguito è diventato noto per aver recitato in ruoli cinematografici e drammatici.

Williams ha creato un personaggio caratteristico in forma libera nella commedia, in uno stile che era così ampiamente e unicamente identificato con lui, che i nuovi comici hanno imitato Williams personalmente.

Articolo principale: elenco di premi e nomination ricevuti da Robin Williams

2003 - Grammy Award per il miglior album comico, Robin Williams Live - 2002 [192]

La vita e l'umorismo di Robin Williams: una biografia.

Robin Williams: una biografia.

L'album di Robin Williams.

"La vita e la morte di Robin Williams".

"Peter Travers in 9 delle sue interpretazioni preferite di Robin Williams - Il critico cinematografico di Rolling Stone valuta il miglior lavoro del defunto attore e comico".

Robin Williams a Find a Grave

Robin Williams su IMDb


Fonte: Robin Williams